Decreto rilancio, duro attacco di Firetto: "Se non ci ascolteranno niente servizi essenziali"

Il sindaco contro il provvedimento in dirittura di arrivo in consiglio dei ministri: "Siamo stati un baluardo della tenuta sociale"

Il sindaco Calogero Firetto

"Il decreto rilancio non sembra voler tener conto delle urgenze dei Comuni. In questi mesi dall'inizio dell'epidemia siamo stati baluardo della tenuta sociale rispondendo come potevamo al disagio crescente di famiglie e imprese".

Lo ha detto il sindaco di Agrigento, Calogero Firetto, a proposito del dibattito sul provvedimento in dirittura di arrivo in consiglio dei ministri. "Siamo rimasti in trincea fiduciosi - aggiunge -. Se le istanze dei sindaci dovessero rimanere inascoltate non saremo più in grado di garantire servizi essenziali. Il governo rammenti che i sindaci sono dalla parte dei cittadini e non sono disponibili ad accettare di dover ascoltare senza poter dare risposte adeguate all'attuale emergenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento