rotate-mobile
Tutte le dritte

Agrigento senz'acqua? Ecco il vademecum di sopravvivenza per i turisti

Una guida on line fornisce le indicazioni per sopravvivere: "Acquista più bottiglie di acqua minerale, usale anche per cucinare e porta più vestiti per evitare di fare il bucato"

Un vademecum per il turista che "oserà" arrivare ad Agrigento, nel bel mezzo della crisi idrica più grave degli ultimi anni. Non lo propone il Comune o la Prefettura, nemmeno gli operatori turistici. A rivolgersi con estrema franchezza ai futuri visitatori della città dei Templi è il blog www.becomeagrigento.it.

Ovviamente, senza commenti critici sui social, da parte di chi non condivide questa modalità comunicativa, ritenendo possa ulteriormente danneggiare l'immagine della città. I gestori del blog la pensano diversamente, evidenziando come l'iniziativa sia frutto del loro amore per Agrigento.

"Se sei un turista, o se stai programmando di visitare la Sicilia, sicuramente sarai allarmato nel sentire le notizie che parlano di “siccità” e “mancanza d’acqua”. Noi di Become Agrigento, che qui siamo nati e cresciuti, vogliamo aiutarti con dei consigli che ti permetteranno di goderti la tua vacanza anche in piena crisi idrica". Ed ecco le regole da seguire per vivere il soggiorno ad Agrigento anche con poca acqua per le esigenze basilari.

"Acquista bottiglie d'acqua. Tieni delle bottiglie di acqua minerale in camera da utilizzare ad esempio per lavare i denti o sciacquare piccoli oggetti. Si tratta di un piccolo gesto che ti può inoltre salvare da piccole situazioni di emergenza. Se hai deciso di soggiornare in una casa vacanza provvista di cucina - scrive il blog - ti consigliamo di usare le bottiglie di acqua minerale anche per cucinare"

Capitolo abbigliamento: "Porta più vestiti al seguito: Per essere sempre puliti e freschi, in situazioni in cui magari non è possibile fare il bucato, ti consigliamo di portare con te più cambi del solito. Se non riesci a rinunciare al tuo bagaglio leggero allora opta per vestiti leggeri ad asciugatura rapida che puoi sciacquare velocemente in poca acqua".

Sul fronte igienico personale, scrive il blog: "Consigliamo però di optare per docce veloci e di chiudere i rubinetti nei momenti 'morti' (ad esempio mentre ti lavi i denti o ti insaponi). Le salviettine non sostituiscono un’igiene accurata, però possono essere utili per togliere lo sporco di dosso (ad esempio dopo un trekking) in modo da velocizzare il momento della doccia. Attenzione agli scarichi, ovviamente bisogna tirare lo sciacquone dopo aver utilizzato il bagno. Ti chiediamo di fare attenzione e cercare di evitare di usare lo sciacquone nei momenti in cui non è necessario. Se pulisci la tua spazzola dai capelli rimasti impigliati, ad esempio, gettali nel secchio dei rifiuti e non nel water".

Infine, alcuni ulteriori consigli: "Segnala al proprietario della tua struttura ricettiva eventuali perdite dei rubinetti o dello scarico del water. Segnala eventuali perdite d’acqua in strada mentre sei in giro per la città. Sensibilizza i tuoi compagni di viaggio sul problema dell’emergenza idrica e spingili a tenere comportamenti virtuosi. Comprendi che quello che per te è un fastidio per noi è una grave problematica con la quale dobbiamo lottare ogni giorno. Ti chiediamo di avere comprensione e pazienza".

Comprensione e pazienza che accomunano i turisti agli agrigentini. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agrigento senz'acqua? Ecco il vademecum di sopravvivenza per i turisti

AgrigentoNotizie è in caricamento