Domenica, 25 Luglio 2021
Attualità

Caretta Caretta depone le uova a Borgo Bonsignore, nido messo in salvo dal Wwf

Il nido ha rischiato di fare una brutta fine perché troppo vicino al bagnasciuga e pronto ad essere distrutto, inconsapevolmente, da qualche ombrellone

Il nido di Caretta Caretta

Trovato - ed è il primo della "storia" - un nido di Caretta Caretta a Ribera. Lo ha fatto il bagnante riberese Leonardo Palmeri che si trovava con la famiglia a fare il bagno vicino a Pietre cadute, località a mare di Borgo Bonsignore, frazione di Ribera. Il riberese ha riconosciuto le tracce di tartaruga marina di cui in vari modi i volontari del Wwf hanno cercato nel tempo di diffondere le immagini perché diventasse cultura comune.

Il nido ha rischiato di fare una brutta fine perché troppo vicino al bagnasciuga e pronto ad essere distrutto, inconsapevolmente, da qualche ombrellone. Gli operatori del progetto "Tartarughe" del Wwf, autorizzati dal ministero dell'Ambiente, di concerto con la ripartizione faunistica e la Guardia costiera hanno messo in sicurezza il nido, con la traslocazione delle uova in posto sicuro, per cui d'ora in poi sarà cura della comunità riberese, e soprattutto di quella di Borgo Bonsignore, di far sì che il nido venga custodito senza intoppi fino alla schiusa, che potrebbe avvenire da Ferragosto in poi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caretta Caretta depone le uova a Borgo Bonsignore, nido messo in salvo dal Wwf

AgrigentoNotizie è in caricamento