Turismo religioso: accordo Regione-Diocesi per promuovere il “Cammino di Santa Rosalia”

A essere coinvolti sono 14 comuni, tra cui Burgio, Castronovo di Sicilia e Santo Stefano Quisquina

L'eremo di Santa Rosalia

Si era al lavoro da mesi sull'ipotesi e adesso è arrivato il definitivo "via libera": quattro assessorati regionali e altrettante istituzioni ecclesiastiche scenderanno in campo per valorizzare e promuovere l’”Itinerarium Rosaliae”, il percorso naturalistico-religioso legato alla Santa patrona  di Palermo che però ha anche un forte legame con la provincia di Agrigento.

Il percorso si sviluppa dal Santuario di Santa Rosalia di Monte Pellegrino fino all’eremo di Santa Rosalia alla Quisquina in provincia di Agrigento e, viceversa, attraversando le aree naturalistiche di monte Cammarata, monte Carcaci, monti di Palazzo Adriano e Valle del Sosio, monte Genoardo e Santa Maria del Bosco, bosco della Ficuzza, Rocca Busambra, bosco del Cappelliere, Gorgo del Drago, Serra della Pizzuta, monte Pellegrino e il Parco dei Monti Sicani.

A essere coinvolti sono 14 comuni, tra cui Burgio, Castronovo di Sicilia e Santo Stefano Quisquina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Paura e contagi fuori controllo nell'Agrigentino, Cuffaro sbotta: "La verità? Siamo in mano a nessuno"

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • Coronavirus, i positivi continuano ad aumentare: chiuse piazze e vie e stop alle scuole

  • Incidente sulla statale 115: violento scontro frontale fra auto, due feriti in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento