Emergenza Coronavirus, nasce il servizio di ascolto telefonico "Bivona chiAMA":

Il servizio sarà disponibile dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 20

Sostegno psicologico per superare meglio questa fase complessa per la popolazione è quello che il Comune di Bivona e l’associazione "Primavera onlus" offriranno a partire da oggi, martedì 24 marzo 2020. Si tratta del progetto  "Bivona chiAma": il servizio telefonico d’ascolto per sostenere i cittadini in situazione di disagio causato dall'emergenza dovuta alla diffusione del Coronavirus e l'attuale situazione di isolamento.

"Il servizio - dice una nota - è completamente gratuito e sarà rivolto alle persone più fragili: donne, uomini, giovani e meno giovani che cercano un po’ di comprensione e/o la possibilità di condividere le loro paure. L’iniziativa vuole garantire ai cittadini un confronto costante e un punto di riferimento rispetto agli importanti cambiamenti nello stile di vita che ci sta imponendo l’emergenza Covid -19, offrendo un aiuto concreto alle persone a gestire ansia, paura, tristezza, sconforto, senso di solitudine, causati soprattutto dalla mancanza di relazioni sociali per via delle prescrizioni normative che ci obbligano restare a casa e per il forte impatto emotivo della vicenda".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il servizio sarà disponibile dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 20. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Orrore nel Messinese, strangolata e uccisa una studentessa di Favara

  • Favara saluta Lorena con i lenzuoli bianchi, i familiari del presunto omicida: "Persa una figlia"

  • Aveva febbre e diarrea: morto un ghanese 20enne, scatta il protocollo sanitario per Covid-19

  • L'epidemia da Coronavirus si allarga: primi contagiati a Naro e Ravanusa

  • L'omicidio di Furci Siculo, l'assassino di Lorena ai carabinieri: "Non so perché l'ho fatto"

  • Rientra in città dal Nord e in famiglia scoppia il parapiglia: accorre la polizia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento