rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Alimentazione

“Bio slow Pane e olio” è il primo biodistretto siciliano riconosciuto dal ministero

Ha sede a Favara, si occupa di promuovere l'agricoltura biologica

Importante riconoscimento per il distretto del cibo "Bio slow pane e olio" con sede a Favara, adesso primo biodistretto siciliano riconosciuto dalla regione siciliana e dal ministero dell’agricoltura e della sovranità alimentare. La decisione è arrivata dopo la richiesta presentata dall’assessorato siciliano dell’agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea, riconoscendo al distretto “Bio slow” l’impegno in un percorso che parte da lontano. 

Il distretto, con sede a Favara, raccoglie imprenditori agricoltori, associazioni di produttori, enti di ricerca pubblici e privati e più di 20 enti locali che hanno in comune la gestione sostenibile delle risorse ambientali grazie a produzioni biologiche e al rispetto del territorio.

"Siamo soddisfatti del risultato raggiunto – commenta il presidente del biodistretto Salvatore Ciulla – da anni lavoriamo per l’agricoltura biologica e un modello di crescita sostenibile che metta al centro il territorio, le risorse e le peculiarità della nostra terra. Questo riconoscimento ci rende orgogliosi e premia il nostro impegno e quello delle comunità coinvolte in questo progetto che continua ad espandersi e che vuole crescere ancora. Voglio ringraziare l’assessorato all’Agricoltura e l’assessore regionale per la sensibilità sulle tematiche legate all’Agricoltura biologica e l’impegno messo per raggiungere questo obiettivo oltre al dirigente generale Dario Cartabellotta per il lavoro che ha portato a questo riconoscimento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Bio slow Pane e olio” è il primo biodistretto siciliano riconosciuto dal ministero

AgrigentoNotizie è in caricamento