Martedì, 28 Settembre 2021
Attualità Naro

Biblioteca Feliciana, intitolato il Fondo antico a Giovanni Franzini

Scomparso nel 1991, è considerato l'artefice della rinascita della struttura che, fondata nel XVII secolo, custodisce testi di notevole valore tra manoscritti, incunaboli e cinquecentine

Riconoscimento al bibliotecario Giovanni Franzini a Naro. Il Comune gli ha infatti intitolato il Fondo antico della biblioteca Feliciana.

Franzini, impiegato comunale scomparso nel 1991 che per molti anni, a partire dal 1970, ha svolto il ruolo di bibliotecario e può essere considerato l'artefice della rinascita della Biblioteca Feliciana che, fondata nel XVII secolo, comprendeva al momento della fondazione numerosi testi di notevole valore tra manoscritti, incunaboli e cinquecentine.

Tutti i testi, dai più antichi a quelli più recenti, dopo l'ultima guerra erano rimasti stipati per diverso tempo in un vecchio locale che non permetteva un agevole accesso e la consultazione al pubblico.

Giovanni Franzini promosse la sistemazione di tale patrimonio librario verso l'amministrazione comunale di allora che, riconoscendo in lui capacità, passione e una forte motivazione, gli affidò l’incarico di occuparsi di tutto quello che riguardava biblioteca, dal trasferimento dei libri dalla vecchia sede alla nuova – opportunamente ripulita, risistemata e fornita di adeguate scaffalature – alla catalogazione e riorganizzazione, fino all’apertura al pubblico, con servizio di prestito e consultazione. 

La sua collaborazione con le scuole, con gli studenti universitari alle prese con tesi di laurea e con gli studiosi impegnati nelle loro ricerche fece sì che la Biblioteca divenisse presto un luogo vivo di incontro, di aggregazione e diffusione culturale.

L'attualeaAmministrazione, su proposta del sindaco Maria Grazia Brandara, riconoscendo il valore storico e strategico del suo operato per l'avvio della promozione culturale della città, ha deciso di intitolargli il Fondo antico della Biblioteca con l'apposizione di una targa.

La cerimonia si è svolta nelle adiacenze della biblioteca, nel chiostro francescano del Comune, alla presenza del sindaco Maria Grazia Brandara, degli assessori e di molti amici e componenti della famiglia.

A margine dell'evento, inoltre, la chiesa di Santa Caterina ha ospitato lo spettacolo intitolato "Le meraviglie del Magnificat di Bach - Guida all'ascolto virtuale"  di Ettore Franzini su invito del sindaco Maria Grazia Brandara.

Circa un'ora e mezza d'intrattenimento per proporre al pubblico i brani della composizione di Bach, preceduti da una analisi esplicativa del testo evangelico attraverso animazioni grafiche originali che, in sincronismo con l'andamento e la dinamica delle melodie polifoniche, hanno messo in evidenza la struttura compositiva dell'opera e l'interpretazione che il celebre compositore Bach ha dato del testo.

L'evento, di carattere essenzialmente didattico-divulgativo, ha visto la partecipazione di autorità civili e religiose.

Il pubblico ha così avuto l'opportunità di riscoprire e di accostarsi alla bellezza della musica sacra del '700.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Biblioteca Feliciana, intitolato il Fondo antico a Giovanni Franzini

AgrigentoNotizie è in caricamento