rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
Attualità San Biagio Platani

Tornano gli “Archi di Pasqua”: maestranze e tantissimi cittadini al lavoro per una tradizione che si rinnova

Una delle forme di creatività collettiva più particolari del territorio sta già prendendo forma con largo anticipo, per vestire a festa il corso principale del paese

San Biagio Platani, paese-simbolo degli “Archi di Pasqua”, è già in fermento per l’allestimento delle imponenti opere d’arte che vestiranno a festa corso Umberto I. La creatività di un popolo e la nuova amministrazione comunale, con varie maestranze, anziani, giovani e bambini, già dall'inizio del 2023 lavorano per dar vita a una delle più belle forme di creatività popolare e collettiva. Quella degli “Archi di Pasqua” è una tradizione plurisecolare che affonda le radici alla fine del Seicento. I caratteristici “Archi” vengono creati con addobbi vegetali: canne, alloro, rosmarino, arance. Decorati con maestosi manufatti in pane, cereali e corpi luminosi interamente realizzati a mano. 

Dalla passione e dal lavoro volontario dei cittadini di san Biagio, divisi nelle due storiche confraternite "Madunnara" e "Signurara", prendono vita questi archi di trionfo che costituiscono vere e proprie cattedrali effimere, dedicate al Cristo Risorto e a Maria Santissima. Salvatore Navarra - cultore delle tradizioni popolari e maestro d'arte, uno dei promotori nella lavorazione del pane artistico della confraternita “Madunnara”, racconta che ogni anno, da una fusione di arte, fede e tradizione, si perpetua la creazione di una galleria d'arte contemporanea all'aperto, dove l'artista è un'intera comunità che, dalla propria creatività spontanea, produce bellezza in onore del Cristo Risorto e della primavera. 

“Il giorno di Pasqua - dice Navarra - in questa magnifica cornice il Cristo Risorto incontra sua madre. L'orgoglio e la gratificazione dei ‘maestri arcari’ sono dati dai giudizi positivi dei visitatori che ogni anno vengono ad ammirare questo raro spettacolo”. Quest'anno gli “Archi di Pasqua” saranno visibili al pubblico dal 9 aprile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tornano gli “Archi di Pasqua”: maestranze e tantissimi cittadini al lavoro per una tradizione che si rinnova

AgrigentoNotizie è in caricamento