Rilascio delle carte d'identità, Vullo e Vaccarello: "Basta disservizi"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Rilascio CARTE IDENTITA’ Comune di Agrigento  ” BASTA DISSERVIZI “

“ il Sindaco provveda ad adottare un sistema  equo per tutti attraverso la prenotazione tramite gli uffici del protocollo per chi non riesce attraverso i sistemi telematici “

Con la presente i sottoscritti Marco Vullo ed Angelo Vaccarello Consiglieri Comunale di Agrigento del gruppo consiliare Uniti per la Città chiedono al Sindaco di intervenire con urgenza e in maniera definitiva alla risoluzione delle tante problematiche legate alla prenotazione elettronica delle Carte di Identità.

Vullo e Vaccarello scrivono “ numerosi i cittadini che provano e riprovano invano ad ottenere una prenotazione, il sistema non gli consente di farlo a causa delle problematiche legate agli orari di accesso o all’ intasamento del sito online  ”

Questa la denuncia dei Consiglieri esponenti del Gruppo Uniti per la Città che continuano affermando “ Continuiamo a Registrare l’incapacità governativa dell’Amministrazione Firetto, un assordante silenzio,  gli uffici comunali ed il personale preposto costretti ad arginare con sacrificio le numerose richieste che a volte si trasformano in veri e propri litigi tra i tanti cittadini esasperati  nel chiedere un diritto. “

Vullo e Vaccarello continuano “ il Sindaco si affacci la testa fuori dalla finestra del municipio è  provveda immediatamente ad eliminare questa indegna situazione attraverso l’utilizzo del servizio PROTOCOLLO soprattutto per quei cittadini anziani in difficoltà o impossibilitati all’utilizzo del computer che pur non riuscendo ad ottenere una prenotazione attraverso i sistemi telematici possono farlo attraverso una richiesta per il tramite degli uffici Comunali del protocollo garantendo loro la possibilità di accedere al servizio di rilascio della carta d’identità “

                                         

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento