Beni confiscati assegnati solo sulla carta ... il "giallo" finisce in Consiglio

L'assessore Muglia su alcuni immobili: "Mancava la trascrizione nei registri catastali e il passaggio formale dallo Stato al Comune. Cosa che non è ancora avvenuta o della quale non ci è stata data nessuna comunicazione"

Decine di beni confiscati sono stati assegnati al Comune. Ma soltanto sulla carta visto che nessuno glieli ha mai consegnati. A chiedere chiarezza, durante un question time, è stato il consigliere comunale del movimento Cinque Stelle Marcella Carlisi. La Giunta, lo scorso anno, s'era detta disponibile - nei confronti dell'agenzia nazionale per la gestione dei beni confiscati alla criminalità organizzata - a ricevere 20 dei 31 immobili confiscati. Ma di questi immobili - appartamenti e magazzini soprattutto - nessuno ha mai visto l'ombra. 

"Uno dei miei primi atti da assessore - ha detto Massimo Muglia - è stato un sopralluogo al Villaggio Mosè, in alcuni immobili che sarebbero dovuti transitare al Comune. Mancava la trascrizione nei registri catastali e il passaggio formale dallo Stato al Comune. Cosa che non è ancora avvenuta o della quale non ci è stata data nessuna comunicazione. Colpa di una burocrazia lumaca" - ha concluso l'assessore che ha la delega al Patrimonio - .  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, traffico di droga e politica: scatta l'operazione "Oro bianco": 12 arresti, ecco i nomi

  • Fiumi di droga, estorsioni, minacce e il "braccetto" con la politica: ecco i dettagli dell'operazione "Oro bianco"

  • Scontro fra due auto nella zona industriale, muore impiegata 62enne

  • Rimorchio si sgancia da tir e travolge auto: due feriti, uno in gravi condizioni

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore (+79 in provincia): la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento