Un’agrigentina alla "Notte europea dei ricercatori": è Elisa Arrigo

Si tratta di Elisa Arrigo, studia all'Università di Torino: sta svolgendo una ricerca sugli effetti del diserbante glifosato sul sistema cardiovascolare e nervoso

Elisa Arrigo

La "Notte Europea dei Ricercatori" di Torino ospiterà quest'anno un'agrigentina. Si tratta di Elisa Arrigo, ricercatrice di fisiologia cardiovascolare presso l’Università di Torino.

Arrigo, illustrerà ai bambini come funziona il sistema cardiovascolare insieme al team di biologi con cui collabora nella città piemontese. "Da sempre appassionata del corpo umano - spiega una nota -, appena diciottenne Elisa Arrigo decide di trasferirsi da Agrigento a Torino per studiare fisiologia. Iscritta all'Università di Torino, prende parte al corso di Scienze Biologiche per poi specializzarsi in Biologia Molecolare. L'assegnazione di una borsa di studio porta Elisa Arrigo ad avvicinarsi alla sua anima ecologica, infatti attualmente la sua ricerca si focalizza sugli effetti del glifosato sul sistema cardiovascolare e nervoso".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La "Notte europea dei ricercatori" di Torino è un evento che richiama ogni anno migliaia di appassionati di cultura scientifica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Orrore nel Messinese, strangolata e uccisa una studentessa di Favara

  • "Quanto dolore, passa un'ambulanza ogni sei minuti e tanti amici hanno il Covid-19": l'agrigentina Giusy in "trincea" a Bergamo

  • Morì nella sua abitazione, il tampone Covid-19 è risultato "positivo"

  • Caso di Covid-19 anche a Porto Empedocle: contagiato il marito del sindaco

  • Arriva la conferma: il tampone Covid-19 è positivo, contagiato secondo agente della Penitenziaria

  • Covid-19, piccolo ma costante aumento di contagi: l'Agrigentino è arrivato a 57 tamponi positivi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento