rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022
Animali

La storia di Teresa, l'angelo che cura i randagi in città

Lei si prende cura di trenta cani di cui dieci tolti dalla strada: "Lo faccio per vocazione ma abbiamo bisogno di aiuto perchè gli abbandoni sono in continuo aumento". Servono cibo e coperte

“Chi trova un cane trova un tesoro” e c’è chi invece ne ha trovati più di trenta per strada e non ha mai smesso di amarli. Questa è la storia di Teresa Depalo, volontaria per vocazione, che da anni insieme al marito Angelo ormai si prende cura dei numerosi cani randagi che vivono in città.

Lei nella vita lavora nel mondo delle pulizie ma ogni mattina non può andare al lavoro se non ripercorre in macchina lo stesso itinerario per assicurarsi che i suoi amici a quattro zampe stiano bene: “ Mi sveglio tutte le mattine alle 6.30  e insieme a mio marito andiamo a dare da mangiare agli oltre trenta cani randagi che vivono ad Agrigento, lo facciamo per amore e siamo felici di farlo”. Quattro le tappe obbligate: zona industriale, rotatoria degli scrittori, strada che porta al villaggio Mosè e  infine quella che porta a Favara. In quest’ultima si trova la casa di campagna della coppia che ha deciso di adibire la struttura a rifugio privato: “Dalla strada ho preso una decina di cani che tengo da me, molti sono stati sterilizzati e per tutti anche quelli che stanno fuori cerchiamo di fare il possibile per  acquistare il cibo e sostenere le spese veterinarie, ma non è facile spendiamo circa 50 euro al giorno”. In totale per l’esattezza si tratta di 37 cani, tra cui meticci, husky, pitt bull e molti altri.

Situazione questa che per la sessantenne di  Agrigento sta divenendo insostenibile, per via dell’aumento continuo dei cani, sono sempre più numerosi quelli abbandonati dai padroni e a volte vengono trovati in condizioni di salute precarie, motivo per il quale la volontaria lancia un appello:  “Io è mio marito facciamo quello che possiamo ma abbiamo bisogno di un aiuto concreto- continua la donna- servono croccantini e cibo umido e con l’arrivo dell’inverno sono indispensabili anche le coperte”.  La situazione dell’abbandono dei cani in città è sempre più allarmante e spesso mancano rifugi dove ospitarli perché affollati, l’unica speranza per loro resta l’adozione : “ Siamo riusciti a trovare casa a qualcuno di loro e anche ad alcuni  gattini grazie all’Associazione Aronne, ma la situazione è difficile in città”.  Per chiunque voglia donare cibo e coperte per i cani di Teresa o accogliere un cane in famiglia basterà consultare il suo profilo Facebook per avere tutte le informazioni necessarie.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La storia di Teresa, l'angelo che cura i randagi in città

AgrigentoNotizie è in caricamento