Un tesoro senza fine, ecco la villa di Publio Annio: l'italico che faceva affari con lo zolfo agrigentino

In un testo gratuito la descrizione della villa romana di "Durrueli" a Realmonte

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Tra i tesori della provincia di Agrigento c’è anche un sito archeologico che probabilmente meriterebbe maggiori attenzioni, stiamo parlando della villa romana di “Durrueli” a Realmonte. I restauri e gli studi degli ultimi 15 anni, hanno portato ad identificare il suo proprietario, Publio Annio, esponente di una famiglia di imprenditori italici, attiva nel campo dell’estrazione dello zolfo. Una parte delle attività svolte dai ricercatori, è stata inserita in un testo curato da Antonella Cottone e Gaetano Tripodi che è stato presentato nella sede del Parco Archeologico della Valle dei Templi di Agrigento nell’ambito dell’iniziativa “30 libri in 30 giorni” promossa da BC Sicilia, alla presenza tra gli altri, oltre che degli autori, anche del soprintendente ai Beni culturali di Agrigento Michele Benfari e del presidente di BC Sicilia Alfonso Lo Cascio.

 Il volume dal titolo: “La villa marittima di Publius Annius alla foce del Cottone”  è disponibile gratuitamente in formato pdf tramite richiesta e-mail alla soprintendenza di Agrigento all’indirizzo: sopriag@regione.sicilia.it.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

  • Video

    Truffe on line, ventottenne si tradisce con una telefonata fatta nella sala d'attesa della tenenza

  • Video

    Chiamate di emergenza: da martedì entra in vigore il numero unico "112"

  • Video

    Lampedusa presa d'assalto dai delfini, che spettacolo in mare

  • Video

    Scintille sul caso "Sea Watch 3", ecco le parole di procuratore e prefetto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento