Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Favara Ovest ... dove le bollette della Tari arrivano due volte, un residente: "Serve un rapido intervento"

 

Dover pagare 2 volte per imposte già versate, con il rischio di doversi rivolgere ad un tribunale per ottenere ragione. Nella Pirandelliana vicenda di Favara Ovest, territorio favarese che è agrigentino solo sulla carta, si aggiunge una beffa che ancora oggi rappresenta un nodo burocratico di non semplice risoluzione.

Rettifica dei confini, il Consiglio ha approvato: si va verso la consultazione referendaria 

Al centro di tutto c’è soprattutto la Tari, la tassa sui rifiuti. Esiste, dal 2013, un accordo verbale tra i due Comuni che metteva a carico di Favara l’onere di effettuare il servizio di igiene ambientale, fornendo all’ente però anche il diritto a chiedere il pagamento ai cittadini, per quanto formalmente agrigentini. Una distribuzione di competenze che, tuttavia, non è stata mai formalizzata, rendendo, anche chi ha pagato, un evasore agli occhi dell’Ato Gesa.

“Dallo scorso anno – spiega Antonio Palumbo, residente a Favara Ovest, ex consigliere comunale e segretario provinciale di Rifondazione Comunista - sono iniziate ad arrivare nelle case dei cittadini doppi avvisi da parte della Gesa per le annualità 2011-2014 per conto del Comune di Agrigento. Abbiamo ottenuto una sospensione per l’anno scorso, ma ancora oggi la vicenda non è stata risolta. Il rischio è che quindi gli avvisi possano passare alla Serit per l’emissione di ruoli coattivi e che arrivino nuove bollette. Chiediamo a tutti un rapido intervento e se gli uffici non provvederanno ci difenderemo nelle sedi opportune”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento