Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Raddoppio della 640, Cancelleri: "Non è più tempo per scherzare, al lavoro per il completamento"

Il viceministro ha tracciato una roadmap dei lavori da realizzare, parlando anche del futuro dei viadotti Akragas I e II

 

"Stiamo sciogliendo tutti i nodi con la determinazione e la fermezza di chi non vuole più rimandare o scherzare". Il vice ministro alle Infrastrutture Giancarlo Cancelleri arriva a "gamba tesa" al termine del confronto tecnico sul futuro dei cantieri realizzati dalla Cmc anche ad Agrigento, Caltanissetta e Palermo.

La determinazione da parte del rappresentante del governo Conte Bis è chiara, così come lo sono le tempistiche e le prospettive a medio e lungo termine. "Sulla Palermo - Agrigento - ha detto - abbiamo un impegno di chiusura dei lavori entro il 2020, individuando entro l'anno in corso anche chi dovrà realizzarli. Tempi più lunghi per la Agrigento - Caltanissetta, ma anche lì vediamo la fine delle problematiche: entro la fine dell'anno riapriremo il tratto fino alla grande galleria, poi la seconda fase, più complessa, vedrà le attività di completamento da lì e fino alla A19".

Sopralluogo di Anas sui cantieri del viadotto Petrusa: completamento entro il 2020

Cancelleri chiede ai cittadini di "avere un po' di pazienza" perché adesso sono state messe "nero su bianco le questioni e potremo dare notizie positive". Rispetto all'annosa vicenda dei creditori della Cmc, centinaia di piccole e medie imprese che attendono ad oggi circa 70 milioni di euro il viceministro annuncia che si è al lavoro per condurre con Cassa depositi e prestiti un'attività che consentirà di risolvere i problemi".

Lavori pubblici sempre più in crisi: scoppia la protesta del comparto delle costruzioni

L'ex deputato regionale del M5S ha parlato anche dei viadotti Akragas1 e 2, ribadendo la road map già tracciata da Anas: rispetto al tratto oggi già aperto, si completeranno i lavori sulle pile entro i primi mesi del 2020, eliminando verosimilmente le limitazioni al traffico pesante. Più complessa la situazione sull'Akragas 2. "Su questa struttura - ha detto Cancelleri - non è stata mai fatta manutenzione, ed è un fatto gravissimo. Si interverrà mettendo in sicurezza pile e impalcati con interventi che consentiranno la riapertura al traffico leggero ad una corsia entro fine 2020".

Le promesse dell'ex ministro Toninelli: "Soldi entro ottobre" 

Soddisfatti, o almeno speranzosi, i creditori Cmc. "Sono piccoli passi - spiega Salvatore Maria Giglio - ma la notizia che il decreto attuativo che ci dovrebbe permettere di presentare le istanze per vantare parte dei nostri crediti sia divenuta cosa concreta ci conforta rispetto al lavoro condotto in questi anni".

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento