Faccia a faccia fra sindaci e disabili, Riolo: "Il sistema d'assistenza va cambiato"

Le associazioni di categoria chiedono la libertà di scelta nelle cure domiciliari

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Si è svolta nella sala giunta del Comune di Agrigento l'assemblea del comitato dei sindaci del distretto socio-sanitario D1, incontro che è stato allargato anche ai rappresentanti delle associazioni che si occupano dei diversamente abili. All'ordine del giorno, le richieste, avanzate dagli stessi soggetti affetti da disabilità che, lo scorso 29 maggio, erano scesi in piazza  per rivendicare il diritto all'assegno di cura e alla libera scelta per l'assistenza domiciliare.

Firetto convoca i sindaci del distretto 

Le associazioni, hanno chiesto anche lo scioglimento del distretto che a loro dire, sarebbe deficitario nella gestione dei servizi di assistenza. I sindaci, o i loro delegati, si sono assunti l'impegno di farsi portavoce, presso le sede regionali competenti, delle richieste avanzate. "C'è un sistema complessivo che va rivisto, riformato e cambiato - dice ad AgrigentoNotizie l'assessore alla Sanità di Agrigento, Gerlando Riolo che aggiunge - siamo d'accordo con le associazioni e il nostro impegno è quello di rappresentare questa nostra convenzione sul tavolo regionale".

IL VIDEO. Riparte la protesta: i disabili chiedono libera scelta per l'assistenza domiciliare 

"I sindaci - dichiara invece Lillo Cinquemani dell'Unione ciechi d'Europa - si sono detti disponibili a sciogliere questi distretti che non funzionano, noi non cerchiamo colpevoli ma soluzioni". 
 

Potrebbe Interessarti

  • Scomparsa di Gessica Lattuca, Russotto rompe il silenzio: "Mandate i Ris anche dai suoi conoscenti"

  • Tentato furto a San Leone, inseguimento e incidente: uno è stato arrestato, l'altro è ricercato

  • Elicottero, cinofili e 100 carabinieri: scatta l'operazione antimafia "Assedio"

  • Le fiamme distruggono i grani antichi della Valle dei Templi, raccolto andato in cenere

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento