Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

I vigili bloccano atto di protagonismo civico, Di Rosa: "Arrestatemi"

Il Movimento Mani Libere dice di aver comunicato al Comune la volontà ad eseguire i lavori di pulizia e potatura

 

Azione di protagonismo civico parzialmente negata in via Manzoni ad Agrigento dove il movimento "Mani Libere" aveva indetto una giornata di pulizia straordinaria della piazzetta antistante lo stadio Esseneto. Il coordinatore Giuseppe Di Rosa aveva coinvolto un agronomo per curare la potatura degli alberi e i volontari  per effettuare i lavori. Presente anche un'ambulanza e il personale sanitario di un'associazione di volontariato. Di Rosa, ex consigliere comunale, il 18 maggio scorso, avrebbe inviato una comunicazione al Comune dove si manifestava la volontà di eseguire le opere di pulizia, potatura e ripristino della fontana pubblica. In mattinata però, pochi minuti dopo l'avvio dei lavori, una squadra di agenti del corpo di Polizia Locale, avrebbero bloccato i lavori di potatura. I volontari, hanno così desistito e continuato a pulire solo negli spazi consentiti. 

Gibilaro ringrazia Di Rosa e i cittadini: "E tu, sindaco, non ringrazi?"

Amareggiato si è detto l'ex consigliere comunale Giuseppe Di Rosa che dai microfoni di AgrigentoNotizie dice al sindaco Lillo Firetto: "Noi stiamo continuando a pulire, ti sfido, denunciami, fammi arrestare".

"Tutti gli atti di protagonismo civico sono i benvenuti. E in un tempo di grave difficoltà finanziaria ancor di più esprimono rispetto e amore per la città. Vanno autorizzati  da parte dei dirigenti del Comune nel rispetto delle leggi - ha spiegato l'assessore comunale Gabriella Battaglia - . Se Di Rosa ha operato entro le norme non c'è nessun problema, né in questa occasione, né in eventuali altre iniziative future."
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento