Strada degli Scrittori, il vecchio ponte Petrusa non esiste più: lavori in corso nel vallone San Benedetto

Operai in azione per restituire la piena transitabilità delle Statali 122 e 640

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Nuovo tratto della raddoppiata strada Statale 640 realizzato in modo non conforme in contrada San Benedetto, sono iniziati i lavori di consolidamento del terreno su cui sorge l’asse stradale. Era stata la stessa Anas a imporre al contraente generale dell’opera, ovvero la Cmc di Ravenna, di rimediare all’errore commesso in prossimità del km 14 del nuovo tracciato della strada che collega Agrigento e Caltanissetta.

Da qualche giorno, a poca distanza dal luogo dell’assassinio del giudice Rosario Livatino, le trivelle si sono messe in esercizio per la posa in opera dei pali che avranno il compito di reggere il peso sovrastante. Per tale ragione, nel tratto di strada interessato dai lavori, si è reso necessario l’istituzione del doppio senso di marcia su una sola delle due carreggiate.

Lo stop ai cantieri dovuto al ritiro al Senato, dell’emendamento salva imprese, non dovrebbe bloccare l’esecuzione dei lavori.
Poco distante dal Vallone San Benedetto, proseguono spediti i lavori di ricostruzione del ponte Petrusa. Le spalle del vecchio viadotto sono già state demolite e gli operai hanno già avviato le opere propedeutiche alla realizzazione delle fondamenta del nuovo viadotto della Starda Statale 122 “Agrigentina” la cui data di ultimazione prevista è stata fissata all'11 novembre prossimo.
Il costo complessivo dell’opera è di circa 2 milioni 136 mila euro.
 

Potrebbe Interessarti

  • Scomparsa di Gessica Lattuca, Russotto rompe il silenzio: "Mandate i Ris anche dai suoi conoscenti"

  • Tentato furto a San Leone, inseguimento e incidente: uno è stato arrestato, l'altro è ricercato

  • Elicottero, cinofili e 100 carabinieri: scatta l'operazione antimafia "Assedio"

  • Le fiamme distruggono i grani antichi della Valle dei Templi, raccolto andato in cenere

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento