Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Presunte violenze sui detenuti del "Petrusa", l'Osapp: "Inaccettabile attacco alla Polizia penitenziaria"

Il segretario del sindacato replica al direttore dell'osservatorio internazionale dei diritti umani

 

Presunte violenze ai danni di detenuti nella casa circondariale “Pasquale Di Lorenzo” di Agrigento, alla richiesta di sospensione del direttore, Valerio Pappalardo e del comandante del reparto di Polizia Penitenziaria, Giuseppe Lo Faro, istanza avanzata dal direttore dell’ osservatorio internazionale dei diritti umani, Antonio Nicosia, replica il segretario generale aggiunto del sindacato Osapp, Domenico Nicotra. 

L'inchiesta sul carcere Petrusa, l'Oidu: "Intervenga il ministero e il Dap"

“E’ un attacco alla Polizia penitenziaria e più in generale al dipartimento dell’amministrazione Penitenziaria e a tutte le sue articolazioni”. Scrive in una nota  Nicotra che aggiunge – è inconcepibile che senza alcuna accusa specifica da parte della Procura, per quanto è dato conoscere, si chieda di sospendere un dirigente e un funzionario dellaAmministrazione penitenziaria senza mai considerare che probabilmente anche loro hanno bisogno di tutele. 

“Stiamo parlando in generale – si legge anora nella nota dell’Osapp - di uomini e donne dello Stato, che lavorano in un contesto di cui la società non vuole sapere niente o quasi. Loro invece, questi servitori dello Stato, contribuiscono a rendere sicura la società facendo a volte dei miracoli come in quel di Agrigento dove ancora vi sono problemi di approvvigionamento dell’acqua. Chiediamo al ministro -  conclude Nicotra - di tutelare questi uomini dello Stato e non come ha fatto il sig. Nicosia di metterli alla gogna". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento