Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ecco "Diodoros II": il progetto che incrementa la produzione di vino nella Valle dei Templi

Il direttore del Parco archeologico Roberto Sciarratta: "L'obiettivo è passare dalle attuali 3.500 bottiglie a circa tredici mila”

 

Nasce il progetto “Diodoros II” che, nell’area del Parco archeologico della Valle dei Templi di Agrigento, incrementa gli ettari di terreno destinati ai vigneti: dagli iniziali due si passa agli attuali cinque che, entro la fine del prossimo anno, diventeranno sei. Tra i filari delle vigne della Valle dei Templi crescono dei vitigni autoctoni come il Nero d’Avola, Nerello Cappuccio e Nerello Mascalese che danno vita al vino “Diodoros”, un prodotto di eccellenza che negli anni, si è fatto apprezzare dagli esperti del settore.

Vino, olio e dolci prodotti all'ombra dei Templi: la Valle vuole una sua Igp

Oggi, nella suggestiva sede di “Villa Aurea” il direttore del Parco archeologico, Roberto Sciarratta, e il presidente della coopertiva Cantine viticoltori associati di Canicattì hanno siglato una nuova intesa che consiste nella gestione ventennale del nuovo vigneto di tre ettari. “Lo scopo del progetto – dice il direttore del Parco, Roberto Sciarratta, – è quello di portare la produzione del vino dalle attuali tremila e cinquecento bottiglie a circa tredici mila”.

Il Parco archeologico aumenterà la produzione di vino: comprate le "Barbatelle"

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento