Il freddo non fa sconti e in provincia si comincia a cantare "bianco gennaio"

Grossi fiocchi di neve sono caduti sia a Grotte che a Racalmuto, crollo delle temperature in tutto l'Agrigentino e condizioni in peggioramento

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Avrebbe dovuto nevicare, e sta nevicando. In provincia di Agrigento, e non solo, si canta "Bianco gennaio". Da stamattina all'alba sono numerose le segnalazioni di leggere nevicate in gran parte dell'Agrigentino. Un peggioramento delle condizioni meteo che era ampiamente annunciato e che, dicono le previsioni, dovrebbe continuare a peggiorare già nelle prossime ore o nella giornata di domani, provocando, forse, anche i primi disagi veri e propri, tanto che il Libero consorzio ha messo in piedi la macchina organizzativa per evitare che le strade vengano bloccate dal ghiaccio.

Neve e gelo, pronti gli interventi per garantire la viabilità

Se i primi Comuni a registrare il crollo delle temperatura sono stati ovviamente quelli montani (Cammarata e San Giovanni Gemini soprattutto) i primi fiocchi si sono visti anche a bassa quota: grossi fiocchi bianchi sono caduti su Racalmuto e Grotte. Giornata soleggiata ma freddissima a Favara e Agrigento, così come nei comuni costieri come Sciacca, Porto Empedocle o Cattolica Eraclea, dove si sono registrati dei piovaschi. 

Cammara e San Giovanni Gemini, ecco la prima neve dell'anno

Le previsioni meteorologiche, comunque, non sono buone. Tra oggi e domani sono previsti fenomeni nevosi in Sicilia con apporti tra i 20 e i 50 centrimetri sui rilievi fino ai 500 metri e nevicate di oltre mezzo metro su tutte le montagne che superano i 500 metri di quota.

Potrebbe Interessarti

  • Scomparsa di Gessica Lattuca, Russotto rompe il silenzio: "Mandate i Ris anche dai suoi conoscenti"

  • Tentato furto a San Leone, inseguimento e incidente: uno è stato arrestato, l'altro è ricercato

  • Elicottero, cinofili e 100 carabinieri: scatta l'operazione antimafia "Assedio"

  • Le fiamme distruggono i grani antichi della Valle dei Templi, raccolto andato in cenere

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento