Via Esseneto non sarà più una "pista di motocross": avviati i lavori

Dopo l'asfalto toccherà ai nuovi alberi da mettere a dimora in zona che sostituiranno quelli abbattuti

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Sono iniziati i lavori di rifacimento del manto stradale in via Esseneto, dopo il taglio degli alberi di pino le cui radici avevano gravemente deformato l'asfalto. Da oggi, così come annunciato dall'Amministrazione comunale, operai e mezzi sono in azione per il ripristino dell’arteria urbana che, per la sua pericolosità da diverso tempo era stata interdetta al transito dei mezzi a due ruote.  Il sindaco di Agrigento, Calogero Firetto definito quel tratto una “pista di motocross”.

La relazione agronomica lo conferma: l'abbattimento dei Pini fu anche una scelta economica

A completamento dei lavori, è prevista anche  la messa a dimora di  nuove essenze arboree per restituire alla zona limitrofa alla scuola, il verde pubblico eliminato con il taglio dei pini, ma questi interventi non saranno realizzati nel breve periodo, dato che il Comune attenderà prima che il legno delle piante - o di quanto ne resta - si decomponga grazie all'azione degli eventi atmosferici.

Firetto: "Gli abbattimenti sono una scelta necessaria, bisogna riparare agli errori passati"

Un processo questo che sarà agevolato dall'arte: infatti, i ceppi saranno sagomati dagli studenti dell'Accademia di belle arti "Michelangelo" di Agrigento come già avvenuto in via Crispi.  

Il Comune replica alle accuse: "Le piante erano inadeguate per quel tratto di strada"

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

  • Video

    Maxi tamponamento all'altezza della rotonda "Degli scrittori": ecco le immagini

  • Video

    Incidente mortale a Sciacca, ecco le drammatiche immagini

  • Video

    Venerdì Santo, centinaia di fedeli "accompagnano" la Via Crucis

  • Video

    Ecco l'agnello di pasta reale con il cuore di pistacchio che "conquistò" due pontefici diventati santi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento