Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Tutti insieme dalla stessa parte: garantire serenità e sicurezza, precetto natalizio interforze a Comitini

 

E' stato un momento di unità. "Di ulteriore unità fra le forze di polizia - ha sottolineato il prefetto di Agrigento, Nicola Diomede - . Così come lo è ogni momento dell'anno: si lavora in perfetta condivisione e unione". Ad ospitare il precetto natalizio interforze è stata la chiesa Madre di Comitini. La celebrazione è stata officiata dall'arcivescovo di Agrigento: il cardinale Francesco Montenegro. "Comitini è stata scelta nel solco di portare determinati eventi non solo non solo del capoluogo ma anche degli altri centri della provincia - ha spiegato il prefetto Diomede - . Così come il 25 aprile e il 4 di novembre sono state fatte a Racalmuto, a Ribera, a Licata, anche questo precetto quest'anno s'è fatto a Comitini dove è stato chiesto ai bambini di questa piccola realtà di partecipare al momento di gioia".  

"Domani si terrà un comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica per tutte le tematiche che attengono al periodo natalizio - ha annunciato il prefetto - in modo da garantire serenità e sicurezza alle persone, anche alla luce di questi fatti internazionali che mettono in tensione le comunità". 

Orgoglioso della scelta di Comitini, naturalmente, il sindaco della città Nino Contino: "Grazie per aver scelto Comitini. Questo è un piccolo centro ma è anche la mitica terra delle zolfare. La terra delle 70 miniere che davano lavoro a 10 mila lavoratori. Qua si controllava e si gestiva il mercato mondiale dello zolfo. Era anche la terra di 'Ciaula'. E' stata la terra di due premi Nobel: Luigi Pirandello e Salvatore Quasimodo. Ma Comitini è fiera per un altro evento storico: è la terra del tricolore. Comitini era il centro ideologico dell'intera provincia che hanno portato agli eventi dell'unità d'Italia. Il consiglio comunale, poco tempo fa, ha avanzato al presidente della Repubblica la richiesta del titolo di città. Pensiamo di meritarlo. Siamo in attesa del responso e siamo fiduciosi. La presenza di tutti voi - ha aggiunto - ci inorgoglisce e ci dona uno stimolo in più". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento