Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Celebrata la Virgo Fidelis, Pellegrino: "Un carabiniere non viene mai meno al proprio dovere"

In cattedrale, il comandante provinciale dell'Arma ha donato lo storico cappello con il pennacchio al cardinale Francesco Montenegro

 

Nell’anno della riapertura, i carabinieri di Agrigento hanno scelto di celebrare la ricorrenza della santa patrona: la Virgo Fidelis, nella cattedrale di San Gerlando.  Alla presenza delle autorità, il cardinale Francesco Montenegro, durante l’omelia, ha ringraziato i militari  per il servizio che quotidianamente rendono alla collettività. In prima fila, accanto al comandante provinciale: il colonnello Giovanni Pellegrino anche Teresa Guazzelli, figlia del maresciallo Giuliano assassinato a Villaseta il 4 aprile del 1992.

 

Il 21 novembre, i carabinieri ricordano anche l’anniversario, quest’anno è il 78esimo, della battaglia di Culqualber, combattuta in Abissinia durante la seconda guerra mondiale  e nel quale perse la vita un intero battagliano di uomini dell’Arma. 

“I carabinieri – ha detto il colonnello Giovanni Pellegrino – continuano il loro sacrificio, ancora oggi, versando la vita e non venendo mai meno al proprio dovere”.  Il comandante provinciale dei carabineiri di Agrigento ha donato all’arcivescovo, il cardinale Montenegro, una "lucerna": il caratteristico corpicapo con il pennacchio rosso e turchino che i militari indossano con la grande uniforme.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento