Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Porto Palo di Menfi, rimossi gli ormeggi abusivi: restituita sicurezza alla navigazione

La bonifica dai corpi "morti" s'è tradotta anche in garanzia del rispetto dell'ambiente perché tutti quegli approdi altro non erano che oggetti inquinanti

 

Con la bonifica dai "corpi morti" per gli  ormeggi realizzati abusivamente nel porticciolo turistico di Porto Palo e Menfi, la Guardia costiera chiude nella localià agrigentina le attività di contrasto all'abusivismo sul demanio marittimo e di tutela ambientale.

Porto Palo di Menfi, dopo il sequestro i sub rimuovono tutti i corpi "morti"

In mattinata, sul molo di ponente, sono giunti i sommozzatori del terzo nucleo sub del reparto supporto navale Guardia costiera di Messina per la rimozione appunto dei "corpi morti", i massi depositati abusivamente in acqua, per un peso complessivo di diciotto tonnellate, e utilizzati per gli ormeggi delle barche da diporto sulla banchina che, nel giugno scorso era stata sequestrata. 

"Occupazione abusiva di demanio marittimo", sequestrata banchina e 80 barche

"Il masso depositato in modo incontrollato - dichiara Giuseppe Giannone, comandante del Circomare di Sciacca -  per realizzare gli ormeggi busivi, è un rifiuto e come tale verrà trattato dopo la rimozione, si sta sottraendo l'elemento inquinante dall'ambiente marino e si ripristina - conclude -  la sicurezza in ambito portuale". Ad inizio estate, gli uomini della Guardia costiera e i carabinieri di Sciacca avevano eseguito il decreto di sequestro preventivo - emesso dal tribunale di Sciacca su richiesta della Procura - dell'intero tratto della banchina di Ponente del porto di Porto Palo di Menfi. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento