Vicenda Tarsu, per Piccionello "Consiglio comunale inadeguato"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Sulla vicenda Tarsu a Raffadali c'è stato l'intervento del presidente della Cna, Giovanni Piccionello che ha diffuso la seguente nota: "Dopo la partita di calcio a cui abbiamo assistito sabato sera in consiglio comunale, terminata col punteggio di 0-0 tra consiglio comunale e amministrazione, si pensava che la partita potesse essere una delle più belle visto che i consiglieri di opposizione avevano presentato come ordine del giorno la sospensiva in via cautelare degli avvisi di pagamento e con la proposta presentata dagli assessori Farruggia e galvano che chiedeva il riesame delle bollette e il condono delle sanzioni. Nel frattempo l'amministrazione si era preparata schierando il sindaco con la stessa determina presentata dall'opposizione. Ma all'improvviso c'è stato il colpo di scena: l'opposizione ha cambiato strategia, non si sa da chi è stata consigliata, o da persone che fino all'altro ieri erano in maggioranza con ruoli di assessori e consiglieri comunali e oggi all'opposizione, dalla vecchia opposizione o da qualche altra istituzione presente in aula? Risultato: non vota l'ordine del giorno proposto e presenta un documento piuttosto leggero e senza una presa di posizione, votato all'unanimità e quindi anche dalla maggioranza, con il quale si demanda all'amministrazione e alla dirigente dottoressa Maida di trovare motivazioni per bloccare le bollette. Strategia sbagliata, a mio modo di vedere, visto il risultato finale di 0-0 e con la gatta da pelare che resta alle imprese artigianali, commerciali e ai cittadini. Ancora una volta il consiglio comunale, devo dire con molte assenze di consiglieri, composto da maggioranza e opposizione, non ha risolto niente e le bollette camminano. La Cna si appella al buon senso di tutte le istituzioni al fine di creare un tavolo serio di concertazione in cui si possa non solo discutere ma soprattutto risolvere i problemi".

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento