la grande fuga

  • Un "marinisi" alla Junior Casale, Pietro Scibetta: "Quel profumo di casa..."

  • Un manager favarese nel Regno Unito, Dario Cavallaro: "Ho lottato, ma sogno di tornare"

  • San Paulo e Miami per diventare grande, l'agrigentino Giovanni Alongi: "Via per realizzare i miei sogni"

  • Un oblò pieno di nostalgia, l'agrigentina Federica Scibetta: "Ho inseguito un sogno grande, ma l'odore del mare manca sempre"

  • Una passione grande quanto il cielo, Luigi Cino: "Agrigento mia mi manchi, sono dovuto andare via"

  • Via da Favara a pugni stretti, Calogero Licata: "Tornare? Solo per un lavoro sicuro"

  • Via per un futuro migliore, l'agrigentina Silvia Paci: "In Germania è tutto perfetto, ma casa mia..."

  • Gli occhi curiosi e la voglia di conoscere, l'agrigentina Giusy Paci: "Vi presento la mia Parigi"

  • A mani nude afferrando la felicità, l'agrigentina Roberta Cacciatore: "Il coraggio di cambiare, ho scelto Dublino"

  • Faccia pulita e tanti chilometri sulle spalle, Vincenzo Vento: "Sono un medico e vivo in Francia"

  • Dalla Valle dei Templi a "piedi" fino ad una multinazionale americana, Antonio Russello: "Avevo sete di avventura"

  • Direzione Nord, l'agrigentino Rosario Mendola: "Mamma per Natale e Capodanno ferie niente"

  • Il coraggio di partire e vivere, l'agrigentina Flavia Colucci: "La Grande Mela non fa paura"

  • Via per inseguire i propri sogni, l'agrigentino Alberto Nocera: "Casa è dove c'è il cuore, giovani abbiate il coraggio di rischiare"

  • La Cina come fonte di ispirazione, l'agrigentino Giuliano Vita: "L'Oriente mi ha cambiato la vita"

  • Falcone e Borsellino come idoli, Gerlando Marchetta un poliziotto a NewYork: "Via per inseguire i miei sogni"

  • L'artista di strada che "riscalda" il caos di Londra, Fabio Cortelli: "Agrigento punta sul turismo"