L'agrigentino della Fortitudo Agrigento, Cuffaro è ancora biancazzuro

Dall’under 13 fino alla prima squadra, una maglia che negli anni è diventata uno stile di vita

Giuseppe Cuffaro, anche per la prossima stagione, sarà un giocatore biancazzurro. Cresciuto nelle giovanili della Fortitudo Agrigento, Cuffaro è il volto dell’agrigentinità del progetto biancazzurro. Dall’under 13 fino alla prima squadra, una maglia che negli anni è diventata uno stile di vita. Giuseppe Cuffato play maker classe ’98 è a disposizione di coach Cagnardi.

Devis Cagnardi: “Peppe è un ragazzo di Agrigento, un giocatore che è nato e cresciuto all’interno della Fortitudo e porta dentro di sé tutti i valori di questa terra e di questa società. Quando venni la prima volta in Sicilia per la conferenza stampa di presentazione chiesi immediatamente di poter entrare al PalaMoncada per vedere la mia nuova casa, ribolliva di calore, sembrava una sauna e dentro c’era un ragazzo che si stava allenando, questo ragazzo era Cuffaro. Sono convinto che saprà aiutare la squadra fuori e dentro il campo e sono felice di averlo tra i miei giocatori”.

Giuseppe Cuffaro: “Ho parlato con Cristian Mayer e con il coach Cagnardi, è bastato poco per convincermi a rimanere. Sono felice d’essere ancora una volta nella mia squadra del cuore, questa è la Fortitudo Agrigento. Non vedo l’ora di cominciare, di conoscere i miei nuovi compagni e di rivedere i miei vecchi compagni”.


 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

  • Rapina a mano armata in pieno giorno, derubato un corriere: portati via pacchi e soldi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento