Giusi Parolino vince ancora, l'atleta: "Dedico questa vittoria a Samuele"

Circa 400 atleti di tutte le categorie e provenienti da tutto il territorio italiano hanno gareggiato avvalendosi di un clima mite che ha reso più facili tutte le competizioni delle tre giornate

In un fine settimana dove la primavera ha fatto il suo esordio si sono disputati i campionati Italiani individuali lanci invernali. Il campo sportivo scolastico di Viterbo ha ospitato dal 8 al 10 marzo la manifestazione tricolore destinata esclusivamente ai lanci dell'atletica leggera.

Circa 400 atleti di tutte le categorie e provenienti da tutto il territorio italiano hanno gareggiato avvalendosi di un clima mite che ha reso più facili tutte le competizioni delle tre giornate.

Nell'importante evento sportivo sono state quattro le gare in programma: martello,disco, giavellotto e martello con maniglia corta, alle quali hanno preso parte sia le donne che gli uomini in rappresentanza delle 80 società di atletica leggera. Dopo 5 mesi di assenza, ritorna nella pedana del giavellotto, la plurimedagliata atleta agrigentina Giusi Parolino che conquista con soli due lanci la medaglia D'oro e il suo settimo titolo di campionessa Italiana di lancio del Giavellotto.

"Gara perfetta, ambiente sereno, giudici bravissimi e gentili come poche volte ho incontrato nelle ultime competizioni e soprattutto tanti cari amici. Il recupero dagli infortuni mi ha portato via mesi preziosi per la preparazione, - dichiara la campionessa- allenamenti mirati alla guarigione  mi hanno permesso di andare in pedana soltanto la scorsa settimana ad Enna dove finalmente ho potuto provare ( anche se soltanto due volte) la nuova rincorsa e scoprire, con il risultato ottenuto in questi campionati Italiani, che è ottima e mi lascia ben sperare per altri prestigiosi risultati. Peccato che, per cautela, mi sono dovuta ritirare al terzo lancio per una contrattura al quadricipite della gamba sinistra, però portare a casa una medaglia d'oro tricolore con soli due lanci lo considero un risultato ancora più grande. La contrattura non mi permetterà di partecipare ai Campionati regionali di pentathlon lanci che si svolgeranno il 17 marzo ma preferisco non rischiare altri importanti obbiettivi che mi aspettano in questo 2019 che è iniziato con un grande risultato. Dedico questa medaglia a un guerriero 'Samuele' che pur avendo soltanto 13 anni sta combattendo da eroe una grande battaglia, a lui vanno i miei auguri e il mio sostegno. Ringrazio il mio coach Emanuele Serafin per tutto quello che fa per me, il primatista Italiano di lancio del giavellotto, Carlo Sonego per suoi preziosi consigli, e le grandi atlete Lucia Pollina e Paola Rosati che mi sostengono sempre e in ogni occasione con il loro affetto e la loro esperienza".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Perquisizioni sulla "Sea Watch 3" e comandante sotto torchio: "Rifarei tutto quello che ho fatto"

  • Cronaca

    Girgenti Acque sempre più indebitata: l'Ati punta a incassare oltre 830mila euro

  • Cronaca

    "Il corpo era devastato, non c'è stato il tempo di salvarlo": racconto choc di un soccorritore

  • Cronaca

    "Non si fece corrompere dal vivaista con quaranta palme", assolto l'ex presidente D'Orsi

I più letti della settimana

  • Colta da un malore improvviso: muore dirigente scolastico di Palma di Montechiaro

  • Incidente sul lavoro a Palma di Montechiaro, colpito dalla benna di una ruspa: muore operaio di 57 anni

  • Piero Barone canta a Tokyo, "Il Volo" top nella classifiche in Giappone

  • Parroco di Lampedusa "sfida" via Twitter Salvini: "Ti affido alla Madonna di Porto Salvo"

  • La patente NCC: cos'è e come si ottiene

  • L'incidente mortale sul lavoro a Palma di Montechiaro, aperta un'inchiesta

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento