Finale di Coppa Italia di Spoleto, ci saranno anche 6 arcieri agrigentini

Domenica, il “Final Twenty” durante il quale si sfideranno, freccia dopo freccia, i primi 20 classificati di ogni categoria che hanno partecipato alle 37 tappe di campionato nazionale Lam di tiro con l’arco tradizionale

Ci saranno anche sei arcieri agrigentini alla dinale di Coppa Italia di Spoleto.

Alla presenza del presidente nazionale Carlos Alberto Owen, organizzata dalla compagnia Arcieri dei due mondi, si svolgerà a Spoleto, domenica, la finale di Coppa Italia “Final Twenty” dove si sfideranno, freccia dopo freccia, i primi 20 classificati di ogni categoria che hanno partecipato alle 37 tappe di campionato nazionale Lam di tiro con l’arco tradizionale, storico e medievale svoltesi in tutta Italia durante il 2018 seguendo come punteggio il metodo della Lega arcieri medievali. Ben 6, appunto, gli arcieri della provincia agrigentina ammessi alla finale e tutti appartenenti agli arcieri della fortezza, sezione armi con arco del gruppo storico dei guerrieri Ravim di Ravanusa, tra cui l’arciere Gambino Giuseppa (per la categoria Dame foggia storica senza finestra), il maestro d’arco Edy Tricoli (per la categoria Dame foggia storica con finestra), il maestro d’arco Pietro Nigro (per la categoria messeri foggia storica senza finestra), la già campionessa nazionale Lam 2018 Gaya Tricoli (per la categoria under 17 arco storico), il già campione nazionale Lam 2018 Claudio Mario Tricoli (per la categoria unica under 14) e il pluripremiato con medaglia nazionale per la sua categoria l’arciere Riccardo Davide Karol Nigro (per la categoria unica under 10).

Esprimono grande soddisfazione per essere giunti in finale il presidente del Consiglio di coordinamento maestro d’arco Pietro Nigro, il direttore del centro Acams maestro Andrea Tricoli, il co-responsabile della sezione armi maestro d’arco Antonino Sutera Sardo, il primo coordinatore maestro d’arco Edy Tricoli, il secondo coordinatore maestro d’arco Giuseppe Brancato, il responsabile alla Logistica mastro Dino Tedesco, l’arciere Elodia Pitrola, l’arciere Lucia Petix e l’arciere Michael Mosa.

Il gruppo storico già conosciuto e molto apprezzato in tutta Italia, spesso chiamato a partecipare in cortei storici e rappresentazioni con esercitazioni di tiro con arco, grazie alla presenza di ben cinque maestri d’Arco, campioni nazionali e arcieri tutti, è tra i più importati gruppi formativi della regione e si auspicano di coinvolgere sempre più bambini, ragazzi e adulti ad appassionarsi a questo sport ed infoltire così le fila dei propri guerrieri Ravim e magari partecipare insieme a loro a cortei e campionati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

  • La mareggiata fa danni, annientato e distrutto uno dei principali chioschi delle Dune

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento