Crovellini saluta la Pallavolo Aragona, il coach via per motivi personali

L’allenatore, reduce da una vacanza, ha comunicato telefonicamente al presidente Nino Di Giacomo la decisione di troncare la sua avventura

Paolo Collavini lascia definitivamente la Seap Pallavolo Aragona. Il coach romano, dopo aver raggiunto recentemente l’accordo con la società per il rinnovo del contratto per la prossima stagione agonistica in serie B1, ci ripensa e abbandona, improvvisamente e inaspettatamente, il progetto. Collavini lascia la guida tecnica della Seap Aragona per motivi strettamente personali e di natura familiare. L’allenatore, reduce da una vacanza, ha comunicato telefonicamente al presidente Nino Di Giacomo la decisione di troncare la sua avventura sulla panchina della Seap Aragona.

Paolo Collavini, durante la scorsa stagione, "si è parecchio sacrificato e per non soffrire la lontananza dalla moglie e dai figli, faceva ritorno a casa, nella sua Roma, al termine di ogni partita. Subito dopo i play off, lo stesso Collavini aveva annunciato al presidente Di Giacomo l’intenzione di non rimanere. Poi, dopo qualche settimana, il 'patron' Di Giacomo è riuscito a convincere il coach a continuare a dirigere la prima squadra. Adesso, invece, la scelta di non continuare ad allenare la Seap Aragona". Paolo Collavini, attraverso l’ufficio stampa della società, ringrazia la Seap Aragona “per l’opportunità che mi è stata offerta di allenare un grande club”.

La società tramite nota stampa, "ringrazia il tecnico Collavini per il lavoro svolto e per quanto fatto, e gli augura le migliori fortune in campo personale e professionale. Nei prossimi giorni sarà comunicato il nome del nuovo allenatore della Seap Pallavolo Aragona".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

  • La mareggiata fa danni, annientato e distrutto uno dei principali chioschi delle Dune

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento