Si conclude a Sciacca l'impresa della maratoneta polacca Daga Szolc

La donna arriverà in piazza Scandaliato e sarà accolta da diversi atleti

Si conclude oggi a Sciacca l’impresa dell’atleta Daga Szolc. La maratoneta polacca, non professionista, a inizio mese è partita per percorrere a piedi il periplo della Sicilia con due obiettivi: conseguire il primo guinnes record polacco della sua categoria con il giro più lungo del perimetro dell’isola; aiutare, con il sostegno degli sponsor, la ricerca per la prevenzione e la cura del cancro al seno, tramite l’associazione Stowarzyszenie Amazonki.

Daga Szolc arriverà a Sciacca intorno alle 15 in piazza Scandaliato, con al seguito il proprio staff e il console onorario della Repubblica di Polonia a Palermo Davide Farina. Alle 15,30 saranno ricevuti a Palazzo di città dal sindaco Francesca Valenti e dal vice sindaco Gisella Mondino.

La maratona è iniziata proprio da Sciacca a inizio ottobre ed ha fatto tappa in quasi 30 comuni percorrendo le aree costiere dell’intera isola (circa 1300 chilometri). Oltre a segnare il record, l’avventura di Daga Szolc farà conoscere le bellezze artistiche, culturali, monumentali e culinarie dei luoghi percorsi. Dell’Impresa si realizzerà anche un docufilm in tre lingue: italiano, polacco e inglese.

Potrebbe interessarti

  • L'arnica, un rimedio naturale a dolori e infiammazioni

  • Il paddle, lo sport dei vip che è ormai diventato mania

  • Il caffè è buono e fa bene

  • Specchio, specchio delle mie brame

I più letti della settimana

  • "Prendo il reddito di cittadinanza, voglio rendermi utile": cittadino ripulisce piazza

  • Scooterone finisce dentro un canale di scolo: muore trentenne a causa di un incidente

  • "Sequestro di persona e abuso d'ufficio", Legambiente Sicilia denuncia Salvini

  • Chef Rubio choc su Instagram: "Lampedusa? Bella, ma è anche l'isola della cocaina e mafia"

  • Incidente tra auto e scooter, ferito grave il motociclista: trasferito in elisoccorso

  • Ignoti strappano annuncio mortuario per il trigesimo di Andrea Camilleri

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento