Calciomercato: il "caso" Gambino tiene banco, Russello: "Pensiamo a giocare"

Dopo l'intervista rilasciata dal centravanti al giornale La Sicilia, dove lo stesso diceva di voler arrivare in casa Akragas già a dicembre, la smentita arriva più veloce di un fischio

Giuseppe Gambino

Botta e risposta tra l'attaccante Giuseppe Gambino, il Brindisi e l'Akragas. Dopo l'intervista rilasciata dal centravanti al giornale La Sicilia, dove lo stesso Gambino diceva di voler arrivare in casa Akragas già a dicembre, la smentita arriva più veloce di un fischio.

Il Brindisi pubblica sul suo sito una nota ufficiale: "Non ho mai rilasciato dichiarazioni che potessero far pensare che voglio lasciare Brindisi, né che vorrei giocare ad Agrigento. Anche se è la mia città non vi tornerò fino alla fine della carriera".

Pronta è stata la risposta dell'Akragas tramite il suo sito ufficiale. A parlare è stato il diesse Ernesto Russello: "Pensiamo solo al prossimo turno e al campionato, per il mercato c’è tempo. In questi giorni - afferma il diesse biancazzurro - ho letto tante notizie che parlano dell’arrivo di un attaccante, voglio smentire qualsiasi tipo di contatto con altri calciatori. Smentisco, dunque, tutte le voci che parlano di un arrivo di Gambino ad Agrigento. Evidentemente qualcuno ha scambiato la mia amicizia con il calciatore per un possibile acquisto; e poi se fossi il presidente del Brindisi non mi priverei del capitano e del miglior marcatore della mia squadra”. 

Torna di moda il nome di Giuseppe Gambino ad Agrigento, ma il Brindisi blinda il suo pezzo da novanta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento