Akragas: Rigoli va Rigoli resta, il Cosenza non ha fretta

E' il tormentone di queste ore, il futuro dell'allenatore sembra essere legato alla squadra cosentina. I tifosi sperano nel colpo a sorpresa, la riconferma del tecnico sarebbe gradita alla piazza

Il tecnico dell'Akragas Pino Rigoli

Rigola va, Rigoli resta. Ore importanti in casa Akragas, il progetto chiama un allenatore, la piazza invoca il nome del mister dei "miracoli" e la società aspetta.

In questi giorni Pino Rigoli era stato accostato al Cosenza, squadra di serie D con ambizioni da LegaProIl progetto del Cosenza passa dalle mani del nuovo direttore generale Mangiarano, che a un quotidiano locale proprio ieri aveva dichiarato: "In questi giorni si è detto tanto, non faccio promesse. Dateci un paio di settimane e avrete qualche notizia in più. Ma nient'alatro perchè a oggi è tutto nell'aria".

Il Cosenza prende tempo e l'Akragas sembra non averne. Il patron Silvio Alessi ringrazia il neo arrivato Massimo Lupo, ma spera in qualche altro "sì" di prestigio.

L'appello fatto ai diversi imprenditori è stato sposato solo in parte. Alessi, ambizioso e pronto a rimettersi in gioco, crede nel progetto e nelle potenzialità che la sua squadra potrebbe avere.

La serie D comporta un ringiovanimento della rosa, l'innesto di nuovi under che di certo all'Akragas non mancano. Caci e Gatto potrebbero vivere la loro consacrazione, mentre in avanti sembra quasi certo l'addio di Nicola Arena, si punta a un nuovo bomber. L'Akragas si da tempo fino alla fine di questa settimana, ma la voglia di ricominciare a vincere è già tanta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • "Cosa nostra" in Canada, il nuovo padrino è Leonardo Rizzuto

  • Dimentica gli occhiali che spariscono in un lampo: interviene la polizia

  • Sorpresa in un'osteria di Realmonte, arriva Giancarlo Giannini

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento