La "zampata" che ti aspetti, Gambino all'Esseneto senza incidere

La sua bravura non è mai stata messa in dubbio, ma ieri il centravanti del Brindisi è apparso in grande difficoltà. Il ritorno ad Agrigento, di certo lo aveva sognato in modo diverso

Giuseppe Gambino

Era "l'ospite" più atteso, nel "salotto" biancazzurro, Giuseppe Gambino in Akragas - Brindisi non ha lasciato la sua firma. Il suo nome, rimbalzava da giornale in giornale, gli occhi erano puntati su ogni sua azione e suo agni suo passo.

Gambino, capitano e numero nove della sua squadra pugliese, al suo ingresso in campo, si è preso parte degli applausi della tribuna, ringraziando e ricambiando il gesto. 

Non ha disputato la sua miglior partita, il suo allenatore Ciullo, ha giustificato la sua prestazione così: "Viene da un lungo stop, vi assicuro che non è il Gambino di sempre, conosco il mio giocatore e so che è fortissimo".

Non si sa quando e perchè, Giuseppe Gambino tornerà allo stadio Esseneto, ma a oggi l'Akragas sembra lontana dal suo futuro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • "Sporcaccione, non si buttano qui i rifiuti": scoppia la lite fra due uomini e accorre la polizia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento