Akragas, altri tre "botti" di mercato: arriva un rinforzo per ogni reparto

Ingaggiati il jolly difensivo Rosario Licata, il centrocampista Christian Pitrotto e l'attaccante argentino Graziano Facundo 

Il presidente Giovanni Castronovo con Graziano Facundo

Altri tre colpi di mercato per l'Akragas. Al gruppo dei biancazzurri che sta svolgendo la preparazione, agli ordini di mister Corrado Mutolo, si sono aggiunti il jolly difensivo Rosario Licata, il centrocampista Christian Pitrotto e l'attaccante argentino Graziano Facundo. 

Tutti e tre hanno raggiunto l’accordo con la società del presidente Giovanni Castronovo e da oggi sono a tutti gli effetti giocatori dell’ASD Akragas 2018 per la stagione 2019-2020 in Eccellenza. I tre giocatori, oggi pomeriggio, con inizio alle ore 17, prenderanno parte all'amichevole nell'impianto sportivo di Fontanelle.

Rosario Licata, originario di Sciacca, classe ’89, proviene dalla Cavese in serie C. Nel recente passato ha indossato con successo le maglie del Mazara, Marsala, Ribera e Folgore, tra Eccellenza e Serie D, ma anche del Sorrento, Foggia, Spal e Como nei professionisti. Ha fatto parte anche del settore giovanile dell'Udinese. 

Christian Pitrotto, originario di Milano, classe ’99, proviene dall'Hamrun Spartans Fc, club del massimo campionato nazionale maltese. Ha svolto il settore giovanile nell'Inter. 

Graziano Facundo, originario di Lincon, classe '92, proveniente dall'Indipendente De Neuquen, formazione della serie C argentina. 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

  • Rapina a mano armata in pieno giorno, derubato un corriere: portati via pacchi e soldi

  • Il Giro d'Italia torna nell'Agrigentino, la "corsa rosa" fa tappa in Sicilia

  • Mafia e droga, la maxi inchiesta "Kerkent": tre indagati chiedono di parlare col pm

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento