Fortitudo-Napoli, Saccaggi: "Il nostro segreto è l'umiltà"

Agrigento che batte 81 a 75 gli Azzurri ai supplementari, con i complimenti dell'allenatore ospite Calvani per il carattere e la determinazione mostrata in campo. La partecipazione del pubblico del Palamoncada è stata decisiva e di grande sostegno per i giocatori

Andrea Saccaggi

Una grande vittoria della Fortitudo Agrigento che batte 81 a 75 Givova Napoli ai supplementari, con i complimenti dell’allenatore Calvani per il carattere e la determinazione mostrata in campo. La partecipazione del pubblico del Palamoncada è stata decisiva e di grande sostegno per i giocatori, che si sono espressi al meglio contro una delle favorite del campionato. Di particolare rilievo la performance di Andrea Saccaggi e Penny Williams che hanno guidato la partita, portando entrambi alla squadra 20 punti.
 
"Stiamo dando il massimo in ogni partita – dichiara Andrea Saccaggi – siamo umili, non molliamo mai, nonostante ad un certo punto fossimo sotto di 11 punti. Abbiamo una difesa asfissiante, se vogliamo non facciamo segnare gli avversari nei momenti importanti e anche i canestri decisivi oggi sono andati dentro, quelli della rimonta e quelli dei supplementari. Abbiamo fatto squadra, abbiamo capito il momento in cui Penny era caldo e il momento di andare da Mattia Udom, che ha giocato una gran partita. L’energia con cui siamo entrati dalla panchina, ci ha permesso di dare lo stesso apporto del quintetto e riprendere in mano la partita. Non ci sopravvalutiamo, dobbiamo rimanere umili e continuare a lavorare come stiamo facendo".
 

Il coach Franco Ciani: "Oggi è stata una partita giocata un po’ a sprazzi, chiaramente per la grande qualità dei nostri avversari che ci ha obbligato a fare fatica, soffrire e spesso a non reggere botta, perché il Napoli è una squadra  costruita per mirare in alto, per obiettivi ambiziosi e giustamente ben allenata. Lo sapevamo, avevamo parificato questa gara a quella del Verona; sono queste le squadre che si giocheranno i posti utili per i playoff. Molto merito a Napoli ma il grande merito nostro è stato avere fiammate in cui abbiamo ricucito gli strappi e credere fino alla fine di poter grattare ogni minuto qualche cosa di questo monumento che Napoli aveva costruito sopra le nostre teste. Abbiamo grattato le fondamenta e siamo riusciti ad abbatterlo. Abbiamo sbagliato il canestro per vincere i regolamentari, ma la carica nervosa e la grande volontà dei ragazzi ci hanno fatto sopperire ad una grande differenza di esperienza in campo. Credo che in alcuni momenti non abbiamo fatto una partita brillante, mentre in altri invece la miglior partita giocata sino ad oggi. Però la capacità di una squadra così giovane di reggere questo urto e di arrivare in fondo con lucidità ed energia è un aspetto estremamente importante".
 
Durante l’intervallo, per la Fortitudo si è esibito il corpo di ballo di Academy Centro Danza di Agrigento diretto da Giusy Liberto, con la coreografia di Filippo Randisi. Le ragazze sosterranno la squadra durante tutte le partite giocate in casa. Continua invece la collaborazione con l’associazione Emergency, sempre presente con un punto informazioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il "giallo" di Canicattì: sentiti familiari e amici del 28enne morto, ritrovato il furgone

  • Scompare un pastore, scattano perlustrazioni e ricerche: ritrovato morto il 61enne

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • Non c'è pace per i contribuenti morosi: in arrivo altri 24 mila avvisi di pagamento

  • "Sporcaccione, non si buttano qui i rifiuti": scoppia la lite fra due uomini e accorre la polizia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento