Il Circolo Tennis Agrigento promosso in D2, la soddisfazione del presidente Spampinato

Bastava una sola vittoria contro il Queen’s Mazara, presentatosi in formazione rimaneggiata, e il punto è arrivato grazie alla vittoria di Lorenzo Di Salvo

Collura Di Salvo Chiaramonti

Il match di ritorno della finale dei play-off, disputato a Mazara del vallo contro il locale Queen’s, è stato poco più di una formalità dopo il netto successo casalingo di domenica scorsa conclusosi con il punteggio di 4 a 0.

Bartolomeo Collura (capitano), Marco Chiaramonti, Carmelino Sacco e Lorenzo Di Salvo sono gli artefici di questa promozione che riporta il CT Agrigento in una categoria più consona ai fasti di una volta quando sotto gli impulsi e le direttive del maestro Massimo Castagna e del prof. Pippo Miccichè, i ragazzi e le ragazze agrigentini si facevano onore sui campi di tutta la Sicilia.

“Questo è solo il primo passo – ha dichiarato il presidente del circolo Pippo Spampinato – la D2 deve essere solo un passaggio, perché le nostre ambizioni non si fermano qui e vogliamo nel giro di qualche anno portare la squadra in serie C e partecipare al massimo campionato regionale.

Per il momento ci godiamo questo successo e mi sento di rivolgere un grazie soprattutto agli atleti, al segretario Vincenzo Barba, al nostro socio factotum Pippo Ippolito e a tutti i soci che a vario titolo hanno contribuito a questo successo.

Fra pochi giorni – ha concluso Spampinato – parte il campionato autunnale e anche in questa competizione aspiriamo a conquistare la promozione in serie C.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento