Lo sapevate che? L'origine della festa di San Valentino

Tra storia, mito e leggenda ecco perchè il 14 Febbraio si celebrano gli innamorati

Perché San Valentino è la festa degli innamorati? Chi ha stabilito la data di questa ricorrenza e qual è la sua storia? Prima dei fiori e dei cioccolatini esistevano leggende diverse legate a questo giorno, sia cattoliche che pagane. Ecco allora nel dettaglio quali sono le origini della festa di San Valentino, il significato e perché si festeggia il giorno degli innamorati.

Prima che si stabilisse la leggenda di San Valentino e che il 14 febbraio diventasse il giorno preciso di questa festa nello stesso periodo (e fin dal quarto secolo a.C.) i romani erano soliti celebrare un rito di fertilità in cui veniva invocata una divinità, Lupercus che veniva chiamato a proteggere e a portare la fertilità e durante questi festeggiamenti i nomi degli uomini e delle donne venivano messi in un’urna dalla quale un bambino estraeva a coppie i nomi di coloro che avrebbero dovuto vivere in intimità tra loro per un anno in modo da onorare Lupercus fino a quando, passato il tempo stabilito, non si fosse ripetuto il rito.

Ma la festa di Luperco non andava bene a tutti e la Chiesa, considerando immorale la tradizione romana, si impegnò a trovare un sostituto, vissuto all’incirca tra il 176 e il 273 che fu un vescovo romano e un martire. Secondo quanto si racconta San Valentino era nato in una famiglia benestante e una volta convertitosi al Cristianesimo fu consacrato a vescovo di Terni a 21 anni. Nel 273 Valentino si recò a Roma per predicare il Vangelo e fare opera di evangelizzazione ma l’imperatore Claudio II gli ordinò di interrompere la sua opera di conversione e di abbandonare la sua fede, Valentino si rifiutò di farlo e l’Imperatore lo condannò a morte per poi graziarlo affidandolo a una famiglia nobile. Quando Claudio II morì Valentino venne però arrestato un’altra volta e questa volta l’imperatore Aureliano si dimostrò molto meno clemente e Valentino venne flagellato lungo la via Flaminia e decapitato il 14 febbraio 273.

La leggenda

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella prima, di origine europea, Valentino si era innamorato della figlia del suo carceriere, una ragazza cieca cui Valentino restituì la vista: sapendo che di lì a poco sarebbe morto il futuro Santo scrisse alla bella un biglietto in cui le diceva addio prima della decapitazione firmandosi “il vostro Valentino”, formula che è possibile ritrovare oggi in molti biglietti scambiati il 14 febbraio. Una seconda versione della leggenda è invece quella statunitense, che lega il Santo alla festa degli innamorati liberandolo di fatto da qualsiasi dubbio sulla castità del futuro Santo: Valentino sarebbe allora soltanto un protettore degli innamorati, che donando i fiori del suo giardino a una coppia di giovani che si amavano li avrebbe benedetti facendo in modo che restassero insieme per sempre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Orrore nel Messinese, strangolata e uccisa una studentessa di Favara

  • "Quanto dolore, passa un'ambulanza ogni sei minuti e tanti amici hanno il Covid-19": l'agrigentina Giusy in "trincea" a Bergamo

  • Morì nella sua abitazione, il tampone Covid-19 è risultato "positivo"

  • Caso di Covid-19 anche a Porto Empedocle: contagiato il marito del sindaco

  • Arriva la conferma: il tampone Covid-19 è positivo, contagiato secondo agente della Penitenziaria

  • Coronavirus, sabato di "follia" a Porto Empedocle: "ressa" davanti al supermercato

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento