Scuola e Libero consorzio: studenti della “Quasimodo” a confronto con le istituzioni locali

L’infopoint ha fatto da “ponte” virtuale tra la scuola ed il territorio

L'iniziativa alla Quasimodo

Mettersi alla pari, dialogare e cercare soluzioni insieme: istituzioni, scuola, insegnanti, studenti e genitori. L’infopoint del Libero Consorzio Comunale di Agrigento, stamani, ha fatto da “ponte” virtuale tra la scuola ed il territorio nel processo di crescita della comunità. 

L’istituto comprensivo “Salvatore Quasimodo” di Agrigento, diretto da Nellina Librici, è stato, infatti, ospite dell’ex Provincia per una giornata di orientamento e di confronto finalizzata a promuovere l'Open Day che partirà oggi pomeriggio, dalle 15,30, al Polo Monserrato Villaseta e proseguirà  il 10 gennaio, alle 16, al plesso "San Giovanni Bosco" di  via Dante 258 e il 13 gennaio al Plesso Tortorelle di Piazza Metello.

“Una scuola al passo coi tempi – ha commentato la dirigente scolastica Nellina Librici –  che è cresciuta confrontandosi col territorio per rendere completo e concreto il successo formativo degli alunni”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

  • S'è aperto il "fronte" tunisino: aumentano gli sbarchi e ci sono tanti "indesiderati"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento