L'Udc guarda ai giovani, Terrana: "Ecco le nostre dieci proposte"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Durante l'anno nel quale ricorre l' anniversario dell' appello ai  "Liberi e Forti" di Don Luigi Sturzo, l'Udc  promuoverà il prossimo mese un incontro che vedrà la partecipazione di 100 giovani provenienti da tutte le province dell' isola.

L' evento sarà l' occasione per riflettere su alcune importanti tematiche sociali ma anche per rilanciare l' impegno del partito tra le nuove generazioni con i suoi principi ispiratori. La manifestazione sarà promossa dal Coordinatore politico regionale e Responsabile Enti Locali del partito Decio Terrana ( nella foto con il Segretario nazionale Cesa)  

"L'Udc - ha dichiarato Decio Terrana - proporrà un incontro con  100 ‪ragazzi‬ e ‪ragazze‬ di tutta la Sicilia,  con lo scopo di elaborare delle ‪‎proposte‬ concrete che nascono dal basso e in modo particolare dai giovani per promuovere il ‎protagonismo‬ ‪sociale‬, l’impegno civico e la ‎solidarietà‬  ma anche per contribuire a costruire una Sicilia piu' accogliente e solidale, con nuove opportunità, insieme a loro - continua Terrana - sarà l' occasione grazie alla partecipazione di autorevoli esponenti delle istituzioni per riflettere su dieci punti nevralgici per lo sviluppo della nostra terra, l' evento sarà un momento di confronto ma anche di condivisione con lo stile dei moderati fedeli al messaggio sturziano".

Ecco le 10 proposte di riflessione    

1) una libera Università che di concerto con le altre sia strumento di crescita civile e di sviluppo economico;
2) una sanità di eccellenza che possa veramente salvaguardare la salute e la vita dei siciliani per evitare di guarirsi negli ospedali del nord guidati spesso da medici siciliani;
3) evitare lo spopolamento dei centri minori con adeguate politiche di valorizzazione;  
4) trovare meccanismi adeguati per evitare la fuga dei cervelli siciliani e investire sulle nuove tecnologie;
5) creare una fiscalità di vantaggio per evitare la fuga delle aziende tartassate da un sistema fiscale oppressivo;
6) creare una rete ferroviaria che sia adeguata al terzo millennio e che possa competere con la TAV del nord;
7) valorizzare e creare un supporto alla nostra agricoltura biologica e di ottima qualità;
8) creare condizioni ottimali per sviluppare il turismo in una terra piena di storia, di beni culturali di altissimo livello e di cibi di qualità eccezionale;
9) valorizzare tutte le fondazioni intitolate ai grandi letterati siciliani e promuovere valide politiche giovanili;
10) formare una classe dirigente colta, garbata e ispirata ai valori della dottrina sociale della Chiesa.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento