Stabilizzazione ex Lsu dell'Asp, Pullara: "Procedere velocemente"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

"In questa fase di stabilizzazione di tutti i lavoratori ex LSU/contrattisti dell'ASP di Agrigento è fondamentale definire velocemente, vista la scadenza già avvenuta per la presentazione delle istanze, la procedura di stabilizzazione di questo personale, cosa che come risaputo seguo fin dal mio insediamento. In tal senso sollecito la direzione aziendale, nelle persone del dott. Mazzara e del dott. Mancuso, rispettivamente direttore generale FF e direttore sanitario, a compiere un ultimo possibile sforzo: procedere alla stabilizzazione per numero 36 ore e non 33 e ciò in virtù di tutti i vuoti di organico presenti senza nocumento alcuno per l’assistenza e le procedure in itinere.”
A chiederlo è il deputato regionale l'On.Carmelo Pullara capogruppo Popolari e Autonomisti all'ARS.
"Con la stabilizzazione di tutti i lavoratori ex LSU/contrattisti dell'Asp di Agrigento -sono le parole di Pullara-e' stato raggiunto un bel traguardo.
Ho seguito la vicenda sin dal mio insediamento ripeto, peraltro cosa risaputo e per la quale le carte ed atti parlano chiari, e questo ne è il risultato.
Non ho compreso-aggiunge Pullara-le polemiche che sono state mosse da alcuni sindacati in relazione alla primogenitura di questo risultato, cui non ho voluto rispondere perché ognuno sa valutare, però mi permetto di evidenziare che forse una maggiore sinergia avrebbe accelerato i tempi, anche se i fatti sono evidenti e sotto gli occhi di tutti,ma bando alle polemiche ritengo ,soprattutto in questo momento storico ,che si sia raggiunto un traguardo importante per il futuro di questi lavoratori, e pertanto adesso che si stanno completando tutti i procedimenti di stabilizzazione è necessario definire le procedure con celerità.
A tal fine-conclude Pullara- torno a sollecitare la direzione aziendale a stabilizzare con 36 ore settimanali piuttosto che le 33 già previste. Sono certo che non mancherà la sensibilità a ricercare ove possibile qualsiasi soluzione per addivenire alla definitiva risoluzione della problematica dando dignità a personale qualificato ed indispensabile”.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento