Riforma dei rifiuti impantanata all'Ars, Firetto: "A pagare sono i Comuni"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

"La Regione ha tempi biblici e il popolo siciliano aspetta. Le città aspettano. Non importa più di chi siano le responsabilità e perché succedano certe cose". 

Così il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto interviene a proposito della legge sul ciclo dei rifiuti.

"È scandaloso - dice Firetto - che dopo 29 commissioni cada in aula l'art. 1 con il voto segreto  e si rinvii ancora, come giustamente sottolinea il presidente della Regione Nello Musumeci, che chiede a gran voce per la Sicilia una legge sul ciclo dei rifiuti. Forse anziché una legge nuova bastava riportare la L. 9/2010 alla sua forma originale cancellando le modifiche inserite dal governo Crocetta, come chiesto da Ministero Ambiente e ANAC. In ogni caso la perdita di tempo e l'incertezza su un tema così delicato non giova a nessuno o giova a pochissimi".

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento