Riequilibrio finanziario, Hamel: "Scongiurato il dissesto, ecco la strategia di risanamento"

Alle polemiche, l'assessore replica: "Appare pretestuoso e minimale attardarsi nella ricerca di  inesistenti  anomalie solo per segnare la differenza e tentare di delegittimare una gestione amministrativa che ha mostrato responsabilità e capacità di affrontare anche le difficoltà più gravi"

L'assessore comunale Nello Hamel

"Il traguardo del riequilibrio finanziario è stato raggiunto e si tratta di un risultato che salva la comunità agrigentina dalla triste prospettiva del dissesto". Così dichiara l'assessore comunale Nello Hamel a proposito del riequilibrio del Bilancio.

Riequilibrio finanziario, Carlisi: "90 mila euro annui per gli avvisi di accertamento"

"La proposta presentata in Consiglio - spiega Hamel -  è frutto di un lavoro responsabile al quale ho avuto l’onore di collaborare, che ha portato alla luce una strategia di risanamento finanziario concreta, supportata da elementi dimostrabili  e compatibili con il mantenimento dei servizi comunali. L’inoltro degli accertamenti di due annualità è la pura normalità del recupero fiscale e l’anomalia sta nel fatto che per decenni si è operato con grandi ritardi ed, a volte si è arrivati alla prescrizione del tributo,  i destinatari non sono diseredati che non hanno la possibilità di pagare, ma per la quasi totalità, sono furbacchioni che conoscono i meccanismi della riscossione e sanno che fino a quando non arriva la raccomandata c’è sempre la speranza di un disguido o della decadenza dei termini. Il costo della spedizione per raccomandata non è un costo aggiuntivo per l’ente in quanto viene recuperato nell’importo complessivo dell’accertamento. La platea dei destinatari è certa perché ripete i destinatari delle annualità 2012/2013 che hanno già pagato. Questo solo per puntualizzare alcuni aspetti della manovra presentata in consiglio comunale, una manovra rigorosa e responsabile che garantisce i precari, che crea il cambio di passo rispetto al passato, che fruisce del risultato di una lotta all’evasione che attraverso l’incrocio catastale raggiunge tutti i contribuenti occulti. Si tratta quindi di una delibera che coinvolge tutto il consiglio comunale per la sua oggettività, che riceve il beneplacito del collegio dei revisori la cui severità è stata sperimentata in altre circostanze, che salvaguarda un comune come quello di Agrigento che, seppure stritolato dai nuovi e pesanti adempimenti imposti dal governo nazionale, possiede ancora le condizioni per restare in gestione ordinaria. In questo contesto appare pretestuoso e minimale attardarsi nella ricerca di  inesistenti  anomalie solo per segnare la differenza e tentare di delegittimare una gestione amministrativa che ha mostrato responsabilità e capacità di affrontare anche le difficoltà più gravi. La politica - conclude Nello Hamel - non deve sovrastare il senso di responsabilità e tutti gli attori della gestione amministrativa siano consiglieri o componenti dell’esecutivo sono perfettamente in grado di comprendere il senso delle proprie scelte, opporsi all’amministrazione Firetto è legittimo per chi ha fatto scelte  e percorsi diversi, ma quando  ci si trova a decidere sulla sopravvivenza della città, bisogna liberarsi dai pregiudizi e decidere con il solo obiettivo aiutare il nostro popolo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

  • La mareggiata fa danni, annientato e distrutto uno dei principali chioschi delle Dune

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento