Disavanzo finanziario a Naro, Brandara: "Proveremo a risolvere i problemi"

L’Amministrazione comunale si è insediata all’indomani delle elezioni amministrative del 28 aprile 2019, ma non avrebbe mai trovato il bilancio approvato

Il sindaco di Naro, Maria Grazia Brandara, deve fare i conti con l'eredità pesante, in termini di disavanzo finaziario, lasciata dalla precedente amministrazione comunale. Numeri importanti, che il primo cittadino, forse neppure si aspettava di trovare La data di scadenza per approvare il bilancio di previsione esercizio 2019/2021 era il 31 marzo 2019. L’Amministrazione comunale, presieduta dal sindaco Brandara, si è insediata all’indomani delle elezioni amministrative del 28 aprile 2019, ma non avrebbe mai trovato il bilancio approvato. 

"Per converso, ha trovato lo schema del conto consuntivo 2018 pronto, ma non ancora deliberato dalla giunta comunale uscente.  Così, la nuova giunta, da me presieduta, ha fatto proprio quello schema di conto consuntivo munito dei pareri favorevoli di regolarità tecnica e contabile) al fine di accelerare le procedure e giungere all’adozione del bilancio 2019-2021.  Con sommo dispiacere, il governo cittadino ha dovuto prendere atto che, per la prima volta dopo tanti anni (direi, anzi, decenni), il conto consuntivo presentava un disavanzo di ben 450 mila euro. Una situazione che creava seri problemi. Abbiamo stretto i denti ed abbiamo approvato quello schema di rendiconto, predisponendo subito dopo anche la bozza del bilancio di previsione esercizio 2019/2021.  In tale bozza sono stati previsti 150 mila euro annui (dei 450 mila complessivi di disavanzo ereditato) da ripianare nel triennio. Tuttavia, a seguito di un serrato confronto col Collegio dei Revisori, abbiamo dovuto constatare che il disavanzo effettivo non ammontava a 450 mila euro, come emergenti dallo schema del conto consuntivo lasciatoci dalla precedente amministrazione, bensì ammontava ed ammonta ad euro 1.143.306,80.  La nuova Amministrazione comunale, pertanto, se a primo impatto aveva incontrato seri problemi a dover ripianare nei tre esercizi a venire il disavanzo di 450 mila euro, immaginiamo quando si è trovato di fronte a  più di un milione di euro di disavanzo. Tutto ciò ha implicato e continua ad implica gravi difficoltà operative e anche ulteriori ritardi che si assommano a quelli che della precedente amministrazione. Risolveremo anche questi problemi. Certo, questo disavanzo di più di un milione di euro, ricevuto in eredità, avrà influenze negative sul bilancio di previsione 2019/2021 (la cui predisposizione è diventata più complessa e complicata), ma noi siamo pronti a combattere, a risolvere i problemi, a superare le difficoltà.Vogliamo però che i cittadini sappiano e, ove possibile, comprendano le ragioni del nostro operare, i contesti in cui operiamo, le difficoltà che incontriamo, comprese quelle non dipendenti dalla nostra volontà né dalle nostre azioni".

Potrebbe interessarti

  • Tre metodi a confronto per pulire il condotto uditivo

  • Il paddle, lo sport dei vip che è ormai diventato mania

  • Il caffè è buono e fa bene

  • La parete verde: come organizzare il giardino verticale in casa

I più letti della settimana

  • "Prendo il reddito di cittadinanza, voglio rendermi utile": cittadino ripulisce piazza

  • "Sequestro di persona e abuso d'ufficio", Legambiente Sicilia denuncia Salvini

  • Ignoti strappano annuncio mortuario per il trigesimo di Andrea Camilleri

  • Chiesa agrigentina, ecco tutti i nuovi parroci nominati dal cardinale

  • Blitz dei carabinieri in Caf e patronati: trovati dei lavoratori in nero

  • Due colpi di pistola contro il balcone di casa di un disoccupato, aperta inchiesta

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento