E' "scontro" sui servizi sociali, Leone: "Matteliano di pronto ha lasciato ben poco"

L'assessore: "L'approvazione definitiva del regolamento per il trasporto sociale spetta al consiglio comunale del quale non sono di certo io a stabilire la convocazione con il rispettivo ordine del giorno"

L'assessore Cinzia Leone

“Voglio rassicurare l’ex assessore Carmela Matteliano, ma soprattutto tutti i racalmutesi, che le attività relative ai Servizi sociali non si sono fermate con la fine del mandato di chi mi ha preceduto, anzi si sta cercando di intensificare il lavoro tenendo conto che è difficile fare in due mesi quello che altri non hanno saputo fare in quattro anni e mezzo”. E’ con queste parole – sancendo, di fatto, lo scontro – che ieri è intervenuto l’attuale assessore comunale ai Servizi sociali di Racalmuto, Cinzia Leone. Poche ore prima, l’ex vice sindaco Matteliano aveva polemizzato sul fatto che il regolamento comunale per il servizio di trasporto sociale non fosse ancora all’ordine del giorno e sulla mancata assegnazione delle borse lavoro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Matteliano contro Leone: "Che fine ha fatto il regolamento sul trasporto sociale?"

“Evidentemente l’ex assessore mio predecessore non conosce bene l’iter normativo e il funzionamento dei lavori consiliari e delle competenti commissioni, nonché le misure adottate recentemente dagli uffici – ha ribattuto Cinzia Leone - . Per il regolamento per il servizio di trasporto sociale, per il quale Carmela Matteliano si è attivata solo in seguito ad un atto di indirizzo politico della lista Borsellino, devo precisare che tutto ciò che doveva essere fatto dinanzi alla commissione è stato eseguito con estrema precisione e correttezza. Da quel momento è diventato competente per l’approvazione definitiva il consiglio comunale del quale non sono di certo io a stabilire la convocazione con il rispettivo ordine del giorno. In ogni caso, non ho esitato più volte a sollecitare la trattazione del punto in consiglio, facendo nel migliore dei modi il mio dovere di consigliere comunale e, adesso, anche di assessore. Basta leggere i verbali.
L’ex assessore non sa, e farebbe bene ad informarsi, che i servizi di utilità collettiva sono stati già avviati e per la prima volta è stata garantita assistenza igienico-sanitaria ai bambini disabili della scuola dell’infanzia. Sa bene, invece, - incalza l'attuale assessore - che di pronto ha lasciato ben poco relativamente alla predisposizione delle visite e dei corsi di formazione e di tutti gli altri adempimenti indispensabili all’avvio delle borse lavoro: solo grazie all’impegno dell’attuale amministrazione e al lavoro degli uffici sarà possibile assegnare la prossima settimana ben 15 borse lavoro che andranno ai cittadini che vivono in condizioni di disagio economico-sociale e che potranno percepire un assegno di 420 euro mensili per servizi resi alla comunità. In questi mesi ho prestato particolare attenzione alle problematiche delle scuole dove ho potuto rilevare diverse criticità e la mancanza di attenzione da parte dell’assessore che mi ha preceduto - prosegue l'assessore Leone che, di fatto, non le manda a dire al suo predecessore - . Il mio assessorato, in sinergia con gli uffici e gli altri amministratori, ha già risolto diversi problemi e si sta già attivando per rimediare alle inefficienze pregresse. Ad ogni modo, non posso accettare che la mia serietà e l’impegno civico che mi hanno contraddistinto in questi anni di consigliere comunale e di assessore, siano strumentalizzate per meri fini politici ed elettoralistici – perché di questo in fondo si tratta – specie quando vengono inopinatamente proposti temi delicati che hanno ad oggetto la salute e l’assistenza di bambini, anziani e delle persone bisognose che vivono nel paese che mi onoro di servire. Se poi il vero scopo della nota di Matteliano era quello di recare squilibri e malumori all'interno del gruppo che sta amministrando, allora si è trattato solo di un maldestro tentativo. Un tentativo miseramente fallito".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • Paga una piega ai capelli 150 euro, la parrucchiera: "Non ha voluto resto, mi sono commossa"

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Muore al "San Giovanni di Dio", espianto degli organi su una 29enne

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento