"Sarò l'avvocato dei racalmutesi": Petrotto annuncia la candidatura a sindaco

L'ex primo cittadino apre ufficialmente la campagna elettorale e parla già di bollette dei rifiuti troppo care, di viabilità e di prospettive anche per i disoccupati

Salvatore Petrotto

"Sarò l'avvocato dei racalmutesi". E' utilizzando lo slogan, pronunciato lo scorso 23 maggio dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che il già sindaco di Racalmuto - per tre volte - Salvatore Petrotto ha annunciato la sua candidatura alle amministrative del 28 aprile.  

“La mia disponibilità c’è e non per assecondare un desiderio di rivincita, ma per affermare giustizia sociale e quello stato di diritto che attualmente nelle sedi processuali sto affermando con la mia costituzione di parte civile contro coloro i quali hanno contribuito, in maniera diretta o indiretta, allo scioglimento del consiglio comunale di Racalmuto – ha detto il candidato a sindaco Salvatore Petrotto, vicino alle posizioni della Lega e del ministro Salvini, - . Perché lo scioglimento è stata una grande impostura. Mi sono costituito parte civile, ho chiesto all’attuale sindaco di fare lo stesso ma lui non lo ha fatto”. 

Inevitabile, in questo esordio di campagna elettorale, il riferimento, da parte di Petrotto, a quello che è stato: era il 23 giugno del 2011 quando l’allora sindaco Salvatore Petrotto formalizzava, nelle mani del segretario comunale, le sue irrevocabili dimissioni. Petrotto, allora 49enne, eletto sindaco con Italia dei valori, aveva ricevuto pochi giorni prima un avviso di garanzia. A fine marzo del 2012 il consiglio comunale di Racalmuto venne sciolto per infiltrazioni mafiose. 

Salvatore Petrotto, proiettato verso il futuro, parla già delle bollette troppo care per il servizio dei rifiuti e di come abbassarle. Parla di viabilità provinciale e dei lavori pubblici sulla Agrigento-Caltanissetta e Agrigento-Palermo. Attacca il Pd, il partito dell'attuale sindaco Emilio Messana che, secondo indiscrezioni, sarebbe intenzionato ad una nuova candidatura per un secondo mandato. "Nei prossimi mesi ci saranno tantissime opportunità da sfruttare, soprattutto per i disoccupati, e quindi noi dobbiamo fare da sponda con il Governo nazionale - spiega - per dare aiuto alle famiglie e alle piccole e medio imprese". 

“Facevo gli interessi dei cittadini – ha ricordato Petrotto – e adesso voglio tornare a farli, sanando gli interessi del paese. Ma occorre recuperare la fiducia dei cittadini nei confronti delle istituzioni. Sono sicuro che tutti possiamo risalire la china, io farò l’avvocato dei racalmutesi: di quanti hanno a cuore le sorti del paese. Ripartiremo dal teatro, dalla fondazione Leonardo Sciascia”. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Mafia

    Il falso pentito Tuzzolino rinuncia a partecipare al processo, il suo ex legale cita magistrati e giornalisti

  • Licata

    Maxi vincita al Superenalotto, la Dea Bendata regala 100mila euro

  • Cronaca

    Hashish all'uscita di scuola o per l'happy hour: il blitz "Piazza pulita" cancella lo spaccio nel centro storico

  • Cronaca

    Giro d'affari di oltre 150 mila euro, segnalati alla Prefettura 32 giovani: anche sedicenni

I più letti della settimana

  • "Mi voleva avvelenare", figlio spara alla madre: donna in ospedale, 22enne arrestato

  • Era tornato a fare il bancomat: ritrovato il quindicenne scomparso

  • Litiga con un uomo e per sbaglio parte un colpo di fucile: 50enne ferisce il figlio di 17 anni

  • Quindicenne scompare nel nulla, avviate le ricerche su tutta la penisola

  • Prova lo scooter di un amico e si schianta contro l'autobotte, 16enne ferito

  • Mafia, la maxi inchiesta "Kerkent": niente messa pasquale per cinque indagati

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento