Mozione di sfiducia al sindaco di Racalmuto, qualcuno muove passi indietro

Il consiglio comunale – per discutere e votare l'atto - dovrebbe venire convocato per il 27: in quello che è l'ultimo giorno utile

Il sindaco Emilio Messana

Il consiglio comunale – per discutere e votare la mozione di sfiducia, la seconda presentata nel giro di due anni, al sindaco Emilio Messana – dovrebbe venire convocato per giorno 27: ultimo giorno utile per portare in aula “Marchese” la mozione. I ben informati dei fatti del palazzo di città riferiscono che al sindaco e alla sua amministrazione viene dato ufficialmente il tempo per portare avanti, magari anche a compimento, l’iter per la stabilizzazione dei precari comunali, degli impiegati con contratto a tempo determinato.

"Non crede a niente e non ha nessun interesse per Racalmuto", mozione di sfiducia per Messana

Nei “salotti” della politica cittadina però c’è fermento. Le voci che si rincorrono, anche in maniera frettolosa, sembrano avallare un’ipotesi: non è detto, nonostante la sottoscrizione della mozione da parte di 14 consiglieri su 15, che l’atto possa venire approvato. Pare dunque che qualcuno abbia già iniziato a muovere dei passi all’indietro. Ci sarà di nuovo un “gioco delle carte” a Racalmuto? Un rimpasto, magari con il rientro nell’Esecutivo di quella che è l’Opposizione? Nessuna conferma, nessuna certezza. Di fatto però se fino a qualche giorno addietro tutti sembravano essere convinti e compatti, nelle ultime ore pare proprio che qualcosa – i cosiddetti equilibri - stia cambiando.

Gli assessori al fianco del sindaco Emilio Messana 

Il sindaco di Racalmuto, Emilio Messana, dal canto suo, si è scagliato – subito dopo la presentazione della mozione di sfiducia – contro il movimento "Racalmuto prima di tutto": “Hanno sfiduciato la prima Giunta perché gli assessori non li avevano scelti loro, sfiduciano la seconda, ma gli assessori scelti da loro sono accanto a me – ha scritto Messana che, naturalmente, non può digerire una mozione di sfiducia negli ultimi 180 giorni di mandato - . Stiamo gestendo procedimenti delicati e importanti, ne cito solo alcuni: la fuoriuscita dal piano di riequilibrio finanziario,che dovrà essere certificata dalla Corte dei Conti; la stabilizzazione dei lavoratori precari, pena la perdita del contributo regionale”. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Video

    Niente renne, Babbo Natale arriva in 500: domenica speciale al "San Giovanni di Dio"

  • Cronaca

    Un big della politica si sposa in gran segreto a Siculiana, ex premier ed ex ministro testimoni

  • Cronaca

    La Fortitudo Agrigento lotta fino all'ultimo, vince la capolista Roma

  • Cronaca

    Minacce e pietre contro una coppia: la donna finisce in ospedale, denunciato 40enne

I più letti della settimana

  • Esplode la bombola della stufa a gas, tragedia sfiorata a Raffadali

  • Nessuna notizia da 7 giorni: 27enne agrigentino scomparso a Londra

  • Auto si ribalta lungo la statale 115, un ventenne in gravi condizioni

  • Auto sbanda e finisce sulla strada sottostante, in ospedale un 70enne

  • Scomparsa Gessica Lattuca, ancora scritte sui muri: spunta un altro nome

  • Non riescono a rintracciarla e chiamano i soccorsi: 51enne trovata morta in casa

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento