Coronavirus, Nuccia Palermo (Lega): "Il rischio è reale e bisogna bloccarlo"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

"La situazione la conosciamo tutti. Al momento in Italia sono stati individuati circa 150 casi di corona virus e il bollettino è in continua evoluzione. Una trentina di soggetti contagiati si trovano in rianimazione, l’incidenza è del 20%. Paragonare il corona virus alla normale influenza, i cui casi gravi ammontano allo 0,003% del totale è indice di faciloneria e di pericolosa superficialità. È doveroso da parte delle istituzioni (che fino a ora hanno invero dimostrato più di una colpevole incertezza) moltiplicare gli sforzi per contenere il contagio. Non creiamo allarmismi - scrive il Capogruppo della Lega e membro della commissione sanità del comune di Agrigento, Nuccia Palermo -  ma non possiamo trattare i nostri concittadini come degli stupidi che devono essere rassicurati e a cui bisogna raccontare la favoletta che tutto va bene, soprattutto perché i numeri dicono altro".

"Le fake news non sono solo quelle che amplificano pericolose e irrazionali psicosi, ma anche quelle che irresponsabilmente minimizzano il rischio. Chi ricopre un ruolo istituzionale ha il dovere di non farsi vettore né delle prime né delle seconde."

"Ovviamente condivido le misure intraprese di recente dal Sindaco di Agrigento di concerto col Prefetto e le altre Autorità competenti - scrive il Capogruppo della Lega -  di annullare le manifestazioni pubbliche a forte rischio contagio. Sono consapevole che la Sagra del Mandorlo in Fiore rappresenta normalmente per la nostra economia una boccata d'ossigeno ma, dinanzi alla sicurezza e alla salute delle persone, tutto il resto deve passare in secondo piano, così come devono passare in secondo piano le divisioni politiche. Proprio per questo intendo non soffermarmi sul fatto che siamo praticamente lo zimbello d’Europa su questo tema. Tuttavia abbiamo la fortuna di non aver ancora riscontrato casi in Sicilia per cui, prima che sia troppo tardi, solleciterò chiunque di dovere ad adottare le migliori misure possibili, ribadendo la necessità che, laddove necessario, bisogna chiudere, controllare, blindare, bloccare e proteggere.

Nella qualità di membro parteciperò alla commissione sanità già convocata per mercoledì mattina dove ribadirò a nome mio e della lega quanto già espresso premurandomi di conoscere quali siano attualmente le misure intraprese a salvaguardia della salute pubblica sul territorio comunale".

"Ci aspettano giorni in cui tutti, politici e cittadini, dovremo dimostrare maturità e responsabilità - conclude Nuccia Palermo -  nel frattempo urge mantenere alta l'attenzione."

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento