Sciacca, Iacolino (Fi-Ppe): "Forza Italia al fianco delle marinerie e della cultura d’impresa"

L'europarlamentare interviene in merito alla manifestazione organizzata dal gruppo dirigente di Forza Italia di Sciacca e segnatamente da Vittorio Di Natale, Silvio Caracappa, Mario Turturici e Pippo Venezia

"Il rilancio della Sicilia passa anche dallo sviluppo di territori come Sciacca, che richiedono iniziative politiche per settori come la marineria, la pesca, l’artigianato, il turismo termale e congressuale". Lo ha detto l’europarlamentare Salvatore Iacolino, vice-capo delegazione di Forza Italia a Strasburgo, in merito alla manifestazione odierna organizzata dal movimento nella città delle terme.

"Dovere di una forza politica – ha aggiunto Iacolino – è rispondere alle esigenze dei territori: il sostegno alle marinerie e alla pesca dovrà assicurare, nel riparto delle risorse dello specifico fondo europeo all’esame della Commissione, adeguate risorse in favore delle Regioni del Mediterraneo e in particolare della Sicilia".

"Inoltre i programmi dell’Ue, Horizon 2020 e il corrispondente Cosme per le piccole e medie imprese, possono rappresentare – ha concluso Iacolino – una seria opportunità per supportare gli investimenti destinati alla ricerca e all’innovazione, nonché per rilanciare la cultura di impresa, il turismo termale e congressuale, l’artigianato, anche attraverso la cooperazione pubblico-privato".

La manifestazione di oggi nella città termale è stata organizzata dal gruppo dirigente di Forza Italia di Sciacca e segnatamente da Vittorio Di Natale, Silvio Caracappa, Mario Turturici e Pippo Venezia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento